Arriva la nuova versione del framework per la creazione di reti decentralizzate, GNUnet 0.12

È stato rilasciato nuova versione di GNUnet 0.12, che è un framework progettato per costruire reti P2P decentralizzate e sicuro. Reti costruite con GNUneNon ho un singolo punto di errore e possono garantire la privacy delle informazioni private degli utenti, inclusa l'eliminazione di possibili abusi da parte dei servizi di sicurezza e degli amministratori con accesso ai nodi di rete.

GNUnet supporta il networking P2P tramite TCP, UDP, HTTP / HTTPS, Bluetooth e WLAN, inoltre può funzionare in modalità F2F. È supportato il bypass NAT, incluso l'uso di UPnP e ICMP. Per indirizzare la posizione dei dati, è possibile utilizzare una tabella hash distribuita (DHT). Sono forniti mezzi per la distribuzione di reti mesh.

Per concedere e revocare selettivamente i diritti di accesso, viene utilizzato uno scambio decentralizzato di attributi di identificazione reclaimID, utilizzando il GNS (GNU Naming System) e la crittografia basata sugli attributi.

il sistema caratterizzato da un basso consumo di risorse e l'uso di un'architettura multithread per fornire l'isolamento tra i componenti. lo so fornire strumenti flessibili per la registrazione e le statistiche. Per lo sviluppo di applicazioni per l'utente finale, GNUnet fornisce un'API per il linguaggio C e cartelle per altri linguaggi di programmazione.

Principali novità di GNUnet 0.12

Questa nuova versione è contrassegnata come importante, come contiene modifiche significative nel protocollo che viola la compatibilità con le versioni precedenti 0.11.x. Oltre a quello eIn termini di usabilità, gli utenti devono tenere presente che esistono ancora un gran numero di problemi aperti noti, in particolare per quanto riguarda la facilità d'uso, ma anche alcuni problemi critici di privacy, soprattutto per gli utenti mobili. 

gnunet-gtk

In questa nuova versione il sistema di nomi di dominio decentralizzato GNS (Sistema di denominazione GNU), ha avuto diversi cambiamenti nei protocolli di generazione delle chiavi (per soddisfare le mutevoli specifiche del futuro standard).

I nomi di dominio e i tag sono rappresentati in UTF-8, senza l'uso della notazione punycode IDNA. È stato proposto un plug-in NSS per gestire nomi IDNA non standard. È stato inoltre aggiunto un plugin per bloccare le richieste di root (GNUnet non dovrebbe mai essere eseguito con i privilegi di root).

GNS e NSE (Stima della dimensione della rete) cambiato l'algoritmo di test utilizzato per revocare una zona di dominio. Le modifiche sono legate alla complessità dei calcoli negli ASIC specializzati.

Il complemento con l'attuazione del trasporto su UDP viene trasferito alla categoria sperimentale A causa di problemi di stabilità, il formato binario è stato migliorato e documentato per le chiavi pubbliche RSA insieme all'eliminazione dell'hashing non necessario nelle firme digitali EdDSA.

anche aggiunta la possibilità di installare lo script gnunet-logread per i registri di controllo. E molti problemi nel sistema di assemblaggio sono stati risolti. GLPK (GNU Linear Programming Kit) rimosso dalle dipendenze.

Come installare GNUnet 1.2 su Ubuntu e derivati?

Installare apriamo un terminale e in esso digitiamo quanto segue:

sudo apt install git libtool autoconf autopoint \
build-essential libgcrypt-dev libidn11-dev zlib1g-dev \
libunistring-dev libglpk-dev miniupnpc libextractor-dev \
libjansson-dev libcurl4-gnutls-dev gnutls-bin libsqlite3-dev \
openssl libnss3-tools libmicrohttpd-dev libopus-dev libpulse-dev \
libogg-dev

Fatto questo creiamo la cartella dove avverrà l'installazione:

mkdir ~/gnunet_installation
cd ~/gnunet_installation

Otteniamo il codice da GNUnet:

git clone --depth 1 https://gnunet.org/git/gnunet.git

Y procediamo a compilare:

cd ~/gnunet_installation/gnunet
export GNUNET_PREFIX=/usr/local # for example, other locations possible
./bootstrap
./configure --prefix=$GNUNET_PREFIX --disable-documentation --with-microhttpd=/opt/libmicrohttpd
sudo addgroup gnunetdns
sudo adduser --system --group --disabled-login --home /var/lib/gnunet gnunet
sudo usermod -aG gnunet $USER
make -j$(nproc || echo -n 1)
sudo make install

E pronti con esso, avremo GNUnet installato nel sistema. MaPrima di iniziare, dobbiamo creare un file di configurazione, cosa che possiamo farePer impostazione predefinita, GNUnet cerca nella nostra home directory al seguente percorso `~ / .config / gnunet.conf`.

Quindi possiamo iniziare a creare un file vuoto con il seguente comando:

mkdir -p ~/.config $ touch ~/.config/gnunet.conf

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.