Le build giornaliere di Kubuntu utilizzano già Elisa come lettore predefinito e includono una nuova icona per il lanciatore di applicazioni

Elisa su Kubuntu 20.04

Alla fine di dicembre, KDE Community Avanzate i tuoi piani per cambiare il lettore musicale / libreria multimediale di Kubuntu. In questo momento, Kubuntu 19.10 Eoan Ermine utilizza Cantata, che, se non ricordo male, ha sostituito AmaroK, un buon lettore musicale che, dal mio punto di vista, è molto disordinato. Anche così, è la radice di altri riproduttori come Clementine, da cui in seguito è uscito. fragola. L'ultimo episodio di questo ballo del lettore multimediale andrà in onda ad aprile.

Ultima build giornaliera della fossa focale Kubuntu 20.04 LTS includono già Elisa come lettore musicale predefinito. I Daily Build sono versioni che Canonical o una delle sue versioni ufficiali pubblicano ogni giorno e in esse possiamo vedere tutti i cambiamenti su cui stanno lavorando. Pertanto, fino a quando non si verificherà alcuna tragedia, sarebbe già confermato che Elisa sostituirà Cantata, un giocatore anche lui molto bello, ma con alcuni punti da migliorare, come la sua interfaccia utente (questa è l'opinione dell'editore).

Kubuntu introduce un nuovo logo nel menu dell'app

Un'altra modifica interessante che ho riscontrato quando ho provato Kubuntu 20.04 proprio per vedere se Elisa fosse già installata di default è quella del icona del menu dell'applicazione. In Eoan Ermine abbiamo due opzioni, a seconda del tema che scegliamo: per impostazione predefinita, il logo è il logo KDE, che è la K in cima a una ruota dentata, ma il logo Plasma appare anche in temi come Breeze. In Focal Fossa, l'icona cambierà in quella del sistema operativo, a condizione che non vengano apportate altre modifiche in futuro. Il logo Kubuntu è quello che vedi nello screenshot, con un cerchio pieno sullo sfondo e una ruota dentata, ma diviso in tre e senza K.

Se vuoi provare queste e altre modifiche, puoi scaricare l'ultima Kubuntu Daily Build da questo link. Il modo migliore per farlo è in GNOME Boxes, poiché funziona perfettamente per eseguire Live Sessions senza dover installare software aggiuntivo, come Guest Additions da VirtualBox.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.