Linux 6.5 include il supporto iniziale per USB4 v2 e tutte queste nuove funzionalità

Linux 6.5

Come previsto, Linus Torvalds ha effettuato il rilascio della versione stabile di Linux 6.5. Questa versione include molte nuove funzionalità interessanti, anche se alcune di esse pensano più al futuro che al presente, almeno per la maggior parte. Ad esempio, è iniziato il supporto iniziale per USB4 v2 e personalmente non ho né ho intenzione di acquistare qualcosa di compatibile a breve. Ma è meglio superare la tempesta piuttosto che aver bisogno di qualcosa e non poterla utilizzare a causa della mancanza di supporto.

Quello che hai dopo è il elenco con le notizie che sono arrivati ​​insieme a Linux 6.5. Come abbiamo accennato, ci sono sviluppi interessanti, come il supporto di molti nuovi hardware, tra cui processori e altri componenti.

Punti salienti di Linux 6.5

  • processori:
    • Supporto di avvio parallelo della CPU per i moderni sistemi Intel e AMD per ridurre i tempi di avvio/riavvio di Kexec su server di grandi dimensioni.
    • Linux ora utilizza per impostazione predefinita l'EPP "attivo" AMD P-State per Zen 2 e i sistemi più recenti che supportano questa modalità operativa sfruttando ACPI CPPC.
    • Supporto per AMD Ryzen serie 7000 EDAC per abilitare il rilevamento e la correzione degli errori su CPU consumer Zen 4 compatibili invece di essere limitato ai soli modelli di CPU server AMD EPYC.
    • Bilanciamento del carico migliorato per CPU ibride Intel.
    • LoongArch aggiunge le estensioni SMT e SIMD/Vector per l'architettura della CPU cinese.
    • Aggiunto il supporto per la CPU Alibaba T-Head TH1520 RISC-V e anche alcuni nuovi SoC ARM.
    • Aggiornamenti Intel Speed ​​Select su TPMI e controlli di potenza a livello di cluster.
    • Correggere il ridimensionamento della frequenza della CPU per Intel P-State con CPU ibride Intel Core quando i core E sono disabilitati per lasciare online solo i core P.
    • Supporto di memoria UEFI non accettato, utile sia per AMD SEV-SNP che per Intel TDX per posticipare l'accettazione della memoria da parte delle macchine virtuali fino a quando non sarà necessaria dopo l'avvio per contribuire a rafforzare la sicurezza, ridurre i costi generali e abbreviare i tempi di avvio quando si tratta di macchine virtuali crittografate memoria.
    • Supporto per Intel SoundWire ACE2.x per le funzionalità audio che debuttano con i processori Intel Lunar Lake.
    • Nuove estensioni AArch64.
    • AMD PerfMonV2 per VM KVM, complementare al PerfMonV2 già aggiunto al kernel qualche ciclo fa per le CPU Zen 4.
    • Supporto VFIO per il bus AMD CDX.
    • Supporto DEXCR per CPU IBM POWER10 per questo registro di controllo dell'esecuzione dinamica che consente il controllo dinamico del comportamento di esecuzione in base alla CPU.
    • Nuovo supporto hardware AMD per il coprocessore crittografico (CCP) della tua CPU.
    • Nuovo codice driver Intel Meteor Lake S.
    • SNC per i server HPE SGI UV, ovvero il clustering Sub-NUMA, funzionerà finalmente su tali server.
    • Il kernel ora ritarda l'inizializzazione della FPU x86 nel processo di avvio del kernel come parte di una pulizia più ampia.
  • Grafica:
    • Il codice AMD EDAC/RAS aggiunge il supporto GPU/acceleratore con un focus iniziale sull'abilitazione del rilevamento e della correzione degli errori per l'hardware AMD Instinct MI200.
    • Il supporto video AMD FreeSync è ora abilitato per impostazione predefinita.
    • Supporto per l'overclocking della serie AMD Radeon RX 7000 per le GPU RDNA3 con IP SMU13.
    • Intel Variable Rate Refresh per pannelli eDP su laptop.
    • Supporto per oggetti di sincronizzazione VirtIO per Vulkan.
    • Supporto GPU Qualcomm Adreno 690 per driver MSM DRM.
    • Altri miglioramenti ai driver grafici open source.
    • Supporto per i codec Stateless AV1 e HEVC Mediatek.
  • File system e archiviazione:
    • Ottimizzazioni e correzioni minori nel driver Paragon NTFS3.
    • La nuova chiamata di sistema cachestat per interrogare le statistiche della cache della pagina di un file in modo che l'utente possa prendere decisioni più informate.
    • Miglioramenti minori del codice F2FS lavorando sul supporto dei dispositivi a blocchi a zone e altre funzionalità.
    • Sovrascritture I/O dirette parallele molto più veloci per il file system EXT4.
    • Miglioramenti delle prestazioni per Btrfs.
    • Il supporto XFS per FS-VERITY si sta avvicinando alla linea principale del kernel con l'unione di ulteriori preparazioni.
    • Le grandi estensioni XFS non sono più sperimentali.
    • Migliore conoscenza di NUMA nel codice del server NFSD/RDMA.
    • Primitive di provisioning per lo storage con thin provisioning.
  • Hardware:
    • Un driver NVIDIA SHIELD fornito da NVIDIA Corp per il loro dispositivo 2017. In futuro potrebbero essere aggiunti altri accessori SHIELD a questo driver.
    • Microsoft Xbox Controller Rumble Stand per più controller.
    • Intel sta ancora implementando molte funzionalità di abilitazione Compute Express Link (CXL). Per Linux 6.5 sono disponibili la sanitizzazione del dispositivo CXL, la cancellazione sicura e il monitoraggio delle prestazioni CXL 3.0.
    • Supporto iniziale per USB4 v2 e sviluppo del driver Barlow Ridge di Intel che supporterà questo nuovo standard USB4.
    • Più funzionalità di abilitazione WiFi 7 per l'ultimo standard wireless.
    • Molte altre schede madri hanno la copertura del sensore con i driver HWMON.
    • Miglioramenti nella gestione di mouse e tastiere PS/2.
    • Il driver watchdog AMD-Xilinx Versal è stato migliorato per riavviare l'hardware in caso di problemi.
    • Miglioramenti al driver Firewire IEEE-1394 per esporre il supporto del timestamp asincrono allo spazio utente.
    • Il kernel ora trascorrerà meno tempo in attesa sui dispositivi PCIe.
    • WiFi e Bluetooth per la scheda MIPS Creator CI20.
    • Supporto per controller MIDI 2.0 insieme a più codice AMD SoundWire nel sottosistema audio.
    • Problemi audio per ASUS ROG Ally.
  • Linux:
    • Le code di lavoro di Linux 6.5 aggiungono il rilevamento e il monitoraggio automatici dell'utilizzo elevato della CPU.
    • Infrastruttura di gestione delle risorse basata sull'ambito in modo che gli sviluppatori del kernel possano iniziare a utilizzarla in futuro.
    • L'allocatore Linux SLAB è ufficialmente deprecato e verrà rimosso in una futura versione del kernel.
    • La creazione di un kernel di debug Linux completo è ora ottimizzata dall'utilizzo dell'heap da 53 GB a 25 GB attraverso miglioramenti a objtool.
    • Un aggiornamento alla toolchain di Rust e altre preparazioni del kernel Rust. - Le code di lavoro di Linux 6.5 aggiungono il rilevamento e il monitoraggio automatici dell'utilizzo elevato della CPU.
    • L'allocatore Linux SLAB è ufficialmente deprecato e verrà rimosso in una futura versione del kernel.
    • La creazione di un kernel di debug Linux completo è ora ottimizzata dall'utilizzo dell'heap da 53 GB a 25 GB attraverso miglioramenti a objtool.
    • Un aggiornamento alla toolchain di Rust e altri preparativi per il core di Rust.

Linux 6.5 è ora disponibile su kernel.org. Per installarlo su Ubuntu è possibile farlo manualmente, utilizzando Kernel principali o aspettando e installandolo insieme a Ubuntu 23.10.

Via: Phoronix.


Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.