La nuova versione di Blender 2.81 arriva con varie modifiche e nuove funzionalità

La nuova versione è ora disponibile del pacchetto di modellazione 3D gratuito Frullatore 2.81, che include oltre un migliaio di correzioni e miglioramenti preparato quattro mesi dopo la formazione di Blender 2.80. In questa nuova versione, viene proposta una nuova interfaccia per la navigazione dei file, nonché l'aggiunta di nuovi strumenti tra le altre nuove funzionalità.

Per coloro che non conoscono ancora Blender, dovresti saperlo si tratta di un programma multipiattaforma, appositamente dedicato alla modellazione, illuminazione, rendering, animazione e creazione di grafica tridimensionale. Anche di composizione digitale utilizzando la tecnica procedurale dei nodi, montaggio video, scultura (include topologia dinamica) e pittura digitale.

In Blender, Inoltre, è possibile sviluppare videogiochi poiché ha un motore di gioco interno. Il programma è stato inizialmente distribuito gratuitamente, ma senza il codice sorgente, con un manuale disponibile per la vendita, anche se in seguito è diventato software gratuito.

Cosa c'è di nuovo in Blender 2.81?

Tra le principali novità che spiccano in questa nuova versione, c'è iluna nuova interfaccia per navigare nel file system, implementato sotto forma di una finestra pop-up.

Un'altra novità che spicca è quella Viene implementata la funzione di rinominare gruppi di elementi in modalità batch. Se prima era possibile rinominare solo l'elemento attivo (F2), ora questa operazione può essere eseguita anche per tutti gli elementi selezionati con la combinazione di tasti Ctrl + F2.

Si è lavorato per migliorare l'usabilità della finestra del progetto (Outliner). Le selezioni di Outliner sono ora sincronizzate con tutte le viste 3D (viewport). Aggiunta la navigazione tra gli elementi utilizzando i tasti su e giù, nonché blocchi a discesa ed espandibili con i tasti sinistro e destro.

Viene fornito supporto per la selezione degli intervalli con un clic tenendo premuto il tasto Maiusc e aggiungendo nuovi elementi a quelli già selezionati facendo clic mentre si tiene premuto il tasto Ctrl.

De i nuovi strumenti aggiunti in questa versione Possiamo trovare per la modellazione scultorea, come un pennello per simulare la deformazione del telaio del modello, un pennello per deformazione elastica, un pennello con deformazione della mesh poligonale, uno strumento per ruotare e scalare attorno al punto di riferimento mantenendo la simmetria, uno strumento per filtrare la mesh poligonale, deformando contemporaneamente tutti i vertici della mesh;

Mentre per cambiare la topologia è stata aggiunta: Voxel remesh per creare una mesh poligonale uniforme. Remesh QuadriFlow per creare una mesh poligonale con celle quadrate, poli multipli e anelli di bordo che ripetono la curvatura della superficie. Lo strumento Costruzione poli implementa la capacità di cambiare la topologia.

Per il motore Cycles è stata aggiunta una nuova modalità di riduzione del rumore dopo il rendering, basato sull'uso della libreria OpenImageDenoise sviluppata da Intel.

Aggiunto supporto per lo spostamento di oggetti di origine oggetto senza evidenziare esplicitamente gli strumenti di trasformazione, nonché la capacità di trasformare gli elementi padre senza influire sugli elementi figlio.

Appena al motore di rendering Eevee, è stata aggiunta una modalità soft shadow e la capacità di utilizzare la trasparenza durante l'ombreggiatura basata su BSDF. Il sistema di texture in rilievo è stato ridisegnato, che è diventato più facile da configurare e migliore;

Viewport ha aggiunto nuove opzioni per visualizzare una scena 3D utilizzando la modalità di rendering Look Development nei motori Cycles ed Eevee, che consente di testare rapidamente gli intervalli di luminosità estesi (HDRI) e la mappatura delle texture.

Come installare Blender 2.81 in Ubuntu e derivati?

Per installare questa versione di Blender sul nostro sistema, possiamo farlo con l'aiuto dei pacchetti Snap Quindi, per quanto Ubuntu, così come i suoi derivati ​​più attuali, la maggior parte di loro ha il supporto di Snap.

Quindi, per eseguire l'installazione, è sufficiente aprire un terminale e digitarlo:

sudo snap install blender –classic

Se non disponi di questo supporto Snap, puoi aggiungerlo al tuo sistema con:

sudo apt-get install snapd xdg-open-snapd

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Bruno suddetto

    Grazie mille per il contributo !!
    Funziona perfettamente.