Arriva la nuova versione di Monitorix 3.12 con due nuovi moduli e alcune modifiche

monitorix

Dopo quasi un anno dal rilascio di Monitorix 3.11, è appena stata rilasciata la nuova versione di Monitorix 3.12. Per chi non lo sa Monitorix dovrebbe sapere che questo è uno strumento di monitoraggio del sistema, è un'applicazione leggera, open source e gratuito, progettato per monitorare il maggior numero possibile di servizi e risorse di sistema, ad esempio, il monitoraggio della temperatura della CPU, del carico di sistema, dell'attività di rete e della reattività dei servizi di rete. Il sistema è controllato tramite l'interfaccia web, i dati sono presentati sotto forma di grafici.

Monitorix è stato creato per essere utilizzato su server Linux / UNIX di produzione, ma grazie alla sua semplicità e alle dimensioni ridotte può essere utilizzato anche su dispositivi embedded. Questa applicazione consiste principalmente di due programmis: un collezionista, chiamato monitorix, che è un demone Perl che si avvia automaticamente come qualsiasi altro servizio sul sistema, e Uno script CGI chiamato monitorix.cgi.

Il sistema è scritto in Perl, RRDTool Viene utilizzato per generare grafici e memorizzare dati, il codice è distribuito sotto licenza GPLv2.

Il programma è abbastanza compatto e autosufficiente, il che consente di utilizzarlo anche in sistemi embedded.

È supportata un'ampia gamma di parametri di monitoraggio, dal monitoraggio del task scheduler, I / O, allocazione della memoria e parametri del kernel alla visualizzazione dei dati su applicazioni specifiche e interfacce di rete (server di posta, DBMS, Apache, nginx, MySQL).

Cosa c'è di nuovo in Monitorix 3.12?

In questa nuova versione di Monitorix 3.12, spicca l'inserimento di due nuovi moduli all'applicazione, che hanno lo scopo di fornire informazioni sui servizi web.

Uno di questi è il nuovo modulo "phpfpm.pm" che è stato aggiunto per raccogliere statistiche su come funziona PHP-FPM e monitorare i siti avviati utilizzando questo meccanismo.

L'altro modulo aggiunto è "unbound.pm" che è stato aggiunto per monitorare lo stato del server DNS non associato in esecuzione sull'host corrente.

Oltre a questi due nuovi moduli, questa versione include alcune nuove e interessanti funzionalità, Tra questi spicca il lavoro svolto nel modulo bind.pm, in cui è stato fornito il supporto per nuove versioni del server DNS BIND e migrato al modulo XML :: LibXML Perl per analizzare le statistiche BIND in formato XML.

Oltre a quello anche aggiunta la possibilità di visualizzare i blocchi in valori assoluti e in intensità (numero di blocchi al secondo) nel modulo fail2ban.pm.

Delle altre modifiche che risaltano nell'annuncio:

  • Il modulo fail2ban.pm ha anche cambiato il modo in cui vengono visualizzati i valori. D'ora in poi, puoi scegliere tra tasso assoluto, il primo è il valore predefinito.
  • Il modulo gensens.pm ha aggiunto il supporto per il monitoraggio dello stato di salute delle batterie;
  • La visualizzazione delle informazioni sull'intensità delle operazioni e sulle prestazioni nel modulo di monitoraggio dello stato di ZFS è cambiata.

Come installare Monitorix su Ubuntu e derivati?

Per coloro che sono interessati a poter installare questo strumento sul proprio sistema, Possono farlo seguendo le istruzioni che condividiamo di seguito.


Scaricare e installare le dipendenze richieste per il funzionamento di Monitorix nel nostro sistema.

sudo apt-get install rrdtool perl libwww-perl libmailtools-perl libmime-lite-perl librrds-perl libdbi-perl libxml-simple-perl libhttp-server-simple-perl libconfig-general-perl

Come passaggio successivo scarichiamo l'ultima versione stabile di Monitorix:

wget https://www.monitorix.org/monitorix_3.12.0-izzy1_all.deb -O monitorix.deb

Già fatto il download, ora procediamo con l'installazione dell'applicazione nel sistema con l'aiuto del seguente comando:

sudo dpkg -i monitorix.deb

E risolviamo qualsiasi problema con le dipendenze eseguendo il seguente comando:

sudo apt-get install -f

L'applicazione è già installata ora avvieremo il servizio nel sistema, lo facciamo eseguendo:

sudo service monitorix start

Come accedere a monitorix?

Per accedere al servizio da remoto o localmente Possiamo farlo da un browser web che indirizza all'indirizzo IP del nostro server, come segue:

http://ipservidor:8080/monitorix

Il file di configurazione del programma si trova nel seguente percorso /etc/monitorix.conf. Qui puoi cambiare la porta, negare o consentire l'host remoto e configurare altre impostazioni.

Prima di modificare i parametri, eseguire una copia di backup di questo file:

cp -pRvf /etc/monitorix/monitorix.conf /etc/monitorix/monitorix.conf.back

In questo file possiamo anche usarlo per garantire l'accesso al web con autenticazione, con cui dobbiamo solo configurare:

set enabled = y

Che è nella sezione e quindi creare un file in / var / lib / monitorix / htpasswd e dove nomeutente è sostituito dal nome utente per l'accesso.

Il comando per farlo è:

touch /var/lib/monitorix/htpasswd

htpasswd -d /var/lib/monitorix/htpasswd   username

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.