Come abilitare il supporto Flatpak in Ubuntu 20.04

Ubuntu 20.04 e Flatpak

Probabilmente hai già letto diversi articoli sui pacchetti Snap in Ubuntu 20.04 LTS Focal Fossa. Con una mossa controversa, Canonical ci sta spingendo a utilizzare i loro pacchetti di nuova generazione, ma agli utenti Linux piace controllare ciò che usiamo di più e non piace questo comportamento. Inoltre, molti di noi preferiscono pacchetti flatpak, tra le altre cose, per essere più veloce e facile da usare.

Solo un anno fa pubblichiamo un articolo in cui ti abbiamo mostrato come abilitare il supporto per i pacchetti Flatpak in Ubuntu, ma già quel sistema non funziona in Focal Fossa perché hanno iniziato a utilizzare un altro negozio di software. Pertanto, questo articolo è un aggiornamento del precedente o in cui spieghiamo le modifiche che possiamo apportare per continuare a godere di questi pacchetti nell'ultima versione di Ubuntu.

Ubuntu 20.04 e Flatpak: passaggi da seguire

La cosa più importante che dobbiamo sapere o tenere in considerazione è che il problema è il nuovo software Ubuntu, che non è altro che il Snap Store modificato e più limitati che hanno incluso in Focal Fossa. Sapendo ciò, i passaggi da seguire sarebbero questi:

  1. La prima cosa che dobbiamo fare è installare il pacchetto "flatpak". Per fare ciò, apriamo un terminale e digitiamo il seguente comando:
sudo apt install flatpak
  1. Il pacchetto sopra non è molto utile per noi senza un negozio compatibile, quindi ne installeremo uno. Possiamo installare Discover (plasma-discover) e, da lì, cercare "flatpak" e installare il motore necessario, ma essendo un software KDE installerà molte dipendenze e non sarà buono come in Kubuntu, per esempio. Pertanto, l'opzione migliore è tornare indietro e installare il "vecchio" software GNOME:
sudo apt install gnome-software
  1. Successivamente, dobbiamo installare il plugin in modo che Software GNOME essere compatibile con i pacchetti Flatpak:
sudo apt install gnome-software-plugin-flatpak
  1. Da qui, quello che dobbiamo fare è lo stesso di Ubuntu 19.10 e precedenti, iniziando aggiungendo il repository Flathub con questo comando:
flatpak remote-add --if-not-exists flathub https://flathub.org/repo/flathub.flatpakrepo
  1. Infine, riavviamo il sistema operativo e tutto sarebbe pronto per installare i pacchetti Flatpak in Ubuntu 20.04.

Come installare il software Flathub su Ubuntu

Una volta abilitato il supporto, il software Flathub apparirà nel software GNOME. L'unica cosa che dobbiamo guardare sono le informazioni sul pacchetto, il file sezione della sorgente in cui apparirà "flathub". Un'altra opzione è andare a flathub.org, esegui le ricerche da lì, fai clic sul pulsante blu con la scritta "INSTALLA" e segui le istruzioni che compaiono sullo schermo.

Se vogliamo, possiamo anche rimuovere lo "Snap Store" con il comando "sudo snap remove snap-store" senza virgolette, ma lo lascio al gusto del consumatore. Se facciamo tutto quanto sopra saremo noi a decidere cosa e dove installarlo, quindi penso che ne valga la pena.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

5 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Linez suddetto

    Grazie per il contributo, una nota: se hai aggiornato da una versione precedente di Ubuntu, come nel mio caso e dove avevo già flatpak abilitato, gnome-software appare come installato, ma se lo avvii si apre la versione snap installata da canonical.
    La soluzione è reinstallare gnome-software: sudo apt-get install –reinstall gnome-software

  2.   Rafa suddetto

    Per queste cose smetti di usare ubutnu, con Mint si tratta di installare il sistema, installare le applicazioni di cui si ha bisogno e per funzionare. Ubuntu fa perdere molto tempo. Lo considero l'ideale per le persone a cui piace "armeggiare" con il computer, ma non per coloro che intendono lavorarci.

    1.    Linez suddetto

      Vediamo amico, questo è opzionale, il centro software porta migliaia di applicazioni senza installare il supporto per flatpak.
      Non incolpare Ubuntu per la tua incompetenza.

      1.    Immagine segnaposto Armando Mendoza suddetto

        Falso: è una mossa canonica sporca ... cose come questa non sono MAI presenti in una distribuzione appena rilasciata, chiamatela Debian, Arch, ecc. ma curiosamente se succede in Ubuntu, e questo perché Canonical ha scatenato una guerra sporca contro Red Hat (sviluppatore di pacchetti Flatpak), una guerra che colpisce la comunità ma forse questa guerra è l'inizio della fine di Ubuntu

  3.   Mario Calderon suddetto

    Grazie al cielo mi sono sbarazzato del canonico e di Ubuntu e dei suoi giochi sporchi ...