Come installare Flatpak su Ubuntu e aprirci a un mondo di possibilità

Flatpak su Ubuntu

Pochi giorni fa abbiamo scritto un articolo menzionando che installiamo già più di 3 milioni di pacchetti snap al mese. L'utilizzo di questi tipi di pacchetti sono tutti vantaggi, tra i quali abbiamo pacchetti che includono il software principale e le dipendenze. Ma questo tipo di pacchetto non è unico, ci sono anche i file Pacchetti Flatpak installati tramite Flathub. In questo articolo ti mostreremo come installarlo su Ubuntu 18.04 LTS e tutte le ultime versioni basate su Ubuntu.

Ma cos'è esattamente Flatpak? Flatpak è un file Formato dell'applicazione di nuova generazione sviluppato da Red Hat e che è usato in Fedora. Il supporto è incluso in Kubuntu, ma non è installato di default. Le applicazioni hanno una struttura Sandbox, supportano gli aggiornamenti in background e includono tutto il necessario, tutto molto simile ai pacchetti snap che gli utenti di Ubuntu hanno a disposizione dall'aprile 2016 con l'arrivo di Xenial Xerus. Gli sviluppatori scelgono questi tipi di pacchetti perché si sviluppano una volta e funzionano per molti sistemi operativi, 42 snap per la precisione.

Flatpak ci consente di utilizzare più istanze dello stesso programma

Poiché le applicazioni Flatpak vengono eseguite in modo isolato dal resto del sistema, ci consentono di utilizzare più istanze dello stesso programma allo stesso tempo. Le applicazioni Flatpak richiedono anche l'autorizzazione prima di accedere a diversi tipi di hardware, come la web cam, aprire / leggere file al di fuori della sandbox o utilizzare sistemi di localizzazione. Come puoi vedere, tutti i vantaggi.

Se aggiungiamo tutto, durante l'installazione di Flatpak su Ubuntu avremo tutte le possibilità di questo tipo di pacchetti, pacchetti snap e APT già forniti di default in Ubuntu, quindi avremo molte più possibilità tra cui scegliere. Per darti un'idea molto piccola, è come aggiungere un repository non ufficiale, ma moltiplicato per molti numeri interi e con la sicurezza e l'affidabilità di uno ufficiale.

Naturalmente, una cosa deve essere presa in considerazione: il la prima volta che apriamo un'applicazione basata su Flatpak l'avvio sarà lento, come con alcuni scatti. Il motivo è che tutto finisce di essere configurato in quel preciso momento.

Processo di installazione di Flatpak su Ubuntu 18.04+

Faremo quanto segue:

  1. Facciamo clic su questo link. Possiamo anche cercare "flatpak" nel Software Center.
  2. Ti diciamo come aprire il collegamento. Possiamo selezionare la casella in modo che tutti i collegamenti di questo tipo siano aperti con il Software Center della nostra distribuzione.
  3. Facciamo clic su installa e inseriamo la nostra password.
  4. In alternativa, o è consigliato, installiamo il repository ufficiale per avere sempre l'ultima versione con il seguente comando:
sudo add-apt-repository ppa:alexlarsson/flatpak
sudo apt update && sudo apt install flatpak
  1. Successivamente installeremo il file plug-in per il software Ubuntu. Senza di esso, il nostro centro software non sarà in grado di gestire questi pacchetti. In Kubuntu questo non è necessario. Lo faremo con il seguente comando:
sudo apt install gnome-software-plugin-flatpak

Come installare Flathub su Ubuntu

La prossima cosa che dovremmo fare è installa Flathub, il più grande app store di Flatpak. È l'equivalente di Snappy di Canonical. La prima cosa che faremo è installare il repository Flathub con il seguente comando:

flatpak remote-add --if-not-exists flathub https://flathub.org/repo/flathub.flatpakrepo

Una volta installato, riavviamo e tutto sarebbe pronto per installare i pacchetti Flatpak. Per questo basterà effettuare una ricerca nel Software Center, cosa che sarà possibile grazie al plug-in che abbiamo menzionato sopra. Sapremo quali applicazioni sono di questo tipo perché "source: flathub.org" appare in basso o nelle loro informazioni quando si fa clic su di esse.

Un'altra opzione è andare al Sito web Flathub e, effettua una ricerca, clicca su "installa" sul web e poi su "installa" dal Software Center. È esattamente lo stesso di quello che è successo quando hai fatto clic sul passaggio 1 della guida all'installazione.

E sarebbe tutto. Adesso avremmo più e migliori applicazioni. Certo, devi tenere presente che molti di loro funzionano in modo diverso da quelli disponibili nei repository APT, ma tutto si sta abituando.

Cosa ne pensate di questa guida per poter utilizzare Flatpak in Ubuntu?

fonte: OH MIO DIO! Ubuntu!.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

4 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Ari suddetto

    Grande!! Come sempre molto semplice e perfettamente spiegato. Grazie !!

  2.   Eduardo Rodriguez suddetto

    Ottimo articolo, chiaro e preciso! mi ha aiutato molto

  3.   Marcelo suddetto

    molto buona

  4.   Philip D. suddetto

    Spiegato molto bene e ha funzionato per me seguendo le tue orme. Molte grazie! salva la tua pagina nei preferiti. saldi

bool (vero)