Come installare il server web Apache su Ubuntu 18.04?

Ubuntu apache

Apache è un server Web HTTP multipiattaforma open source che implementa il protocollo HTTP / 1.12 e la nozione di sito virtuale. L'obiettivo di questo progetto è fornire un server sicuro, efficiente ed estensibile che fornisca servizi HTTP in sincronia con gli attuali standard HTTP.

Server web Apache Viene spesso utilizzato in combinazione con il motore di database MySQL, il linguaggio di scripting PHP e altri linguaggi di scripting. popolare come Python e Perl. Questa configurazione si chiama LAMP (Linux, Apache, MySQL e Perl / Python / PHP) e costituisce una piattaforma potente e robusta per lo sviluppo e la distribuzione di applicazioni basate sul web.

Processo di installazione di Apache

A causa della grande popolarità dell'applicazione può essere trovato all'interno dei repository della maggior parte delle distribuzioni Linux, quindi la sua installazione è abbastanza semplice.

Nel caso di Ubuntu 18.04 sia desktop che server faremo affidamento sul pacchetto che si trova nei repository.

Dobbiamo solo aprire un terminale ed eseguire il seguente comando:

sudo apt update

sudo apt install apache2

Vacanze dobbiamo confermare l'installazione e tutti i pacchetti necessari per il funzionamento di Apache verranno installati sul nostro computer.

Finito il processo dobbiamo solo verificare che sia stato installato correttamente, per questo sul terminale eseguiamo:

sudo systemctl status apache2

dove dovremmo ricevere una risposta simile a questa:

Loaded: loaded (/lib/systemd/system/apache2.service; enabled; vendor preset: enabled)

Con questo possiamo vedere che il servizio è stato installato e funziona correttamente. Sebbene abbiamo anche un altro metodo per verificarlo.

El un altro metodo è richiedere una pagina Apache, per questo dobbiamo solo inserire il nostro indirizzo IP nel nostro browser.

Se non conoscono l'indirizzo IP del tuo computer, possono ottenerlo in modi diversi dalla riga di comando.

Dobbiamo solo eseguire questo comando:

hostname -I

In questo modo, ci verrà mostrato un elenco di loro, possono testare il browser uno per uno, possiamo identificare il nostro indirizzo IP quando nel browser viene visualizzato quanto segue:

apache_default

Questa è la pagina di Apache che ci mostra che è in esecuzione sul nostro computer e ci mostra la directory in cui ha alcuni file di configurazione.

Comandi Apache di base

Avendo già il server web Apache in esecuzione sul nostro sistema, devi conoscere alcuni comandi di base di questo, perché con questo possiamo avviare o interrompere il processo se necessario.

I due comandi di base sono l'avvio e l'arresto del servizio sul nostro computer, solo per questo dobbiamo eseguire sul terminale quando vogliamo avviare Apache:

sudo systemctl start apache2

Mentre per fermare Apache eseguiamo:

sudo systemctl stop apache2

Abbiamo anche la possibilità di riavviare il servizio senza arrestarlo, per questo eseguiamo solo:

sudo systemctl restart apache2

Ora un altro comando che può essere molto utile quando è in esecuzione e abbiamo bisogno di un aggiornamento del processo, possiamo eseguire questo comando che non disconnetterà le connessioni esistenti con il server:

sudo systemctl reload apache2

Nel caso in cui desideri disabilitare il servizio eseguiamo solo:

sudo systemctl disable apache2

E per il caso opposto in caso di riattivazione del servizio nel nostro team eseguiamo solo:

sudo systemctl enable apache2

Moduli Apache2

Apache2 è un server che può essere integrato da moduli. Le funzionalità estese sono disponibili tramite moduli che possono essere caricati in Apache2. Per impostazione predefinita, una serie di moduli è inclusa nel server in fase di compilazione.

Ubuntu compila Apache2 per consentire il caricamento dinamico del modulo. Le direttive di configurazione possono includere condizionatamente la presenza di un modulo includendole in un blocco .

Possono installare più moduli Apache2 e utilizzarli sul proprio server web. Ad esempio, esegui il seguente comando in una console per installare il modulo di autenticazione MySQL:

sudo apt install libapache2-mod-auth-mysql

Nella directory / etc / apache2 / mods-available puoi controllare i moduli aggiuntivi.

Apache ne ha un gran numero, ma se vuoi saperne di più ti consiglio leggi questa sezione che i ragazzi di Canonical condividono con noi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.