Scatole GNOME: la proposta GNOME ufficiale per la creazione di macchine virtuali

Ubuntu su Ubuntu su scatole GNOME

Come hai già visto, abbiamo già pubblicato diversi articoli su come creare macchine virtuali. Abbiamo parlato di Hyper-V, Virtualbox, VMware e ora è il turno di Scatole GNOME, la proposta del progetto GNOME per l'esecuzione di sistemi operativi all'interno di altri sistemi operativi. Da qualche tempo c'è quello che nel suo nome originale è noto come GNOME Boxes e la verità è che sembra molto buono ed è molto facile da usare.

La prima cosa che vorrei commentare è un'esperienza personale. Come utente Kubuntu (e Nvidia), GNOME Boxes non funziona come dovrebbe quando si tenta di creare una macchina virtuale da un'immagine ISO. Non importa se usiamo la versione Flatpak o APT; ogni volta che scelgo un ISO il programma si chiude (Flatpak) o si blocca (APT). D'altro canto, in Ubuntu 19.04 funziona senza alcun problema, e questo testandolo su un Live USB sullo stesso computer.

Installazione e utilizzo di Scatole GNOME

Come abbiamo accennato, GNOME Boxes è disponibile nella versione APT e nella versione Flatpak. Se l'hai seguito questo tutorial, puoi cercare GNOME Boxes nel centro software e appariranno due opzioni. Guardando i dettagli potremo sapere se si tratta della versione APT o del Flatpak: nella seconda compare «Flathub» come fonte. Altre opzioni per installarlo sono:

  • Apri un terminale e digita il comando sudo "apt install gnome-box" senza virgolette.
  • Clicca su questo link e installalo dal centro software. Questo non funzionerà se il supporto per l'installazione dei pacchetti Flatpak non è stato abilitato.

Processo di installazione della macchina virtuale

Il processo di installazione delle macchine virtuali nelle Scatole GNOME è molto semplice:

  1. Apriamo Scatole GNOME.
  2. Facciamo clic su «Nuovo».

Installa la macchina virtuale in GNOME Boxes 1

  1. Se vogliamo installare una macchina da, ad esempio, Ubuntu Server, possiamo farlo dalle opzioni che ci vengono mostrate. Ci permette anche di installare le versioni Live. Stiamo per installare una macchina completa, quindi scegliamo «Seleziona un file».

Installa la macchina virtuale nelle scatole GNOME

  1. Scegliamo l'ISO che installeremo.
  2. Nella fase successiva, faremo clic su «Continua». Se vogliamo, possiamo indicare il nome utente e la password ed eseguire una rapida installazione. Dato che mi piace il classico, non lo faccio così.

Installa la macchina virtuale nelle scatole GNOME

  1. Nella schermata successiva possiamo personalizzare la macchina virtuale, ma solo la RAM. Poiché nel mio caso lascia già 2 GB, continuo a fare clic su «Crea».

Installa la macchina virtuale, passaggio 5

  1. Si avvierà automaticamente. Da qui, tutto è uguale all'installazione del sistema operativo in modo nativo.

Funziona anche con Windows

Scatole GNOME permette anche di installare macchine virtuali Windows. Il metodo è lo stesso ma, affinché tutto funzioni correttamente, dopo aver installato il sistema operativo devi installare spice-gtk, per il quale hai maggiori informazioni nel sito web per sviluppatori. In ogni caso, devo dire che si tratta di un software relativamente giovane e che è probabile che si verifichino dei problemi, soprattutto se installiamo Windows. D'altra parte, e come ho già accennato, sul mio laptop Kubuntu + Nvidia non mi permette di creare macchine virtuali da una ISO scaricata da internet.

Hai provato GNOME Boxes? Che ne dite di?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Raul suddetto

    Rispetto a virtualbox molto meglio l'ultimo dato che puoi condividere il tuo ip con la rete e condividere file con l'host

    1.    Pablino suddetto

      Sono d'accordo, ma penso che dipenda anche dall'uso. Ad esempio, non uso VirtualBox perché non ho bisogno di molte delle sue funzioni, e con GNOME Box è tutto più semplice, non si installa molto ed è anche molto più facile avviare una Live ISO e farlo funzionare bene da l'inizio. Ma se vuoi qualcosa di più completo, sì, VirtualBox.

      Saluti.

  2.   alguien suddetto

    In Ubuntu 20.04 GNOME Boxes non funziona bene nella versione flatpak, poiché quando si crea una macchina virtuale con un sistema moderatamente pesante come Manjaro o un sistema operativo elementare si blocca e non consente di fare nulla. Raccomando VirtualBox.