Il caso di Gnome contro il troll dei brevetti Rothschild è stato invalidato a favore di Gnome

L'iniziativa Open Source (OSI), che esamina le licenze in base a criteri open source, ha annunciato la continuazione della storia del progetto Gnome accusato di violazione di brevetto 9.936.086. Che all'epoca il progetto Gnome non accettava di pagare royalties e avviava una vigorosa attività di raccolta di fatti che potessero indicare l'insolvenza del brevetto.

Per interrompere tali attività, Rothschild Patent Imaging ha concesso una sovvenzione e nel maggio 2020 che ha concluso un accordo con Gnome che concesso al progetto una licenza gratuita per i brevetti esistenti e l'impegno a non citare in giudizio alcun progetto open source. Tuttavia, ciò non ha impedito ad altri appassionati di continuare i loro tentativi di contestare il brevetto.

Il lavoro di revoca del brevetto è stato svolto volontariamente da McCoy Smith, un revisore di brevetti di 30 anni in precedenza dell'USPTO (United States Patent and Trademark Office) che ora possiede il proprio studio legale in materia di brevetti, dopo aver esaminato la causa GNOME, McCoy ha concluso che il brevetto non era corretto e che l'ufficio brevetti non avrebbe dovuto depositare esso.

Una recente decisione dell'ufficio brevetti degli Stati Uniti potrebbe dare ai troll dei brevetti un motivo per stare alla larga dai progetti open source, ancor più della feroce resistenza che la comunità ha finanziato e montato in modo impressionante nel caso.

Il troll dei brevetti che li ha attaccati ha perso anche il brevetto che stavano usando per l'attacco, a seguito degli sforzi persistenti di McCoy Smith, uno specialista legale nella comunità open source.

Nell'ottobre 2020, McCoy ha presentato una domanda di revisione per il brevetto 9.936.086 indicando che la tecnologia descritta nel brevetto non è un nuovo sviluppo. L'Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti ha esaminato il brevetto, concordato con l'opinione di McCoy e invalidato il brevetto. È interessante notare che dopo la collisione con GNOME, questo brevetto è stato utilizzato per attaccare più di altre 20 società.

Le azioni di McCoy hanno mostrato troll di brevetti che la comunità open source può combattere con successo da attacchi di brevetti. Lo stesso McCoy ha spiegato le sue azioni con il desiderio di mostrare alla comunità che ci sono modi più semplici ed efficaci per respingere l'assalto ai brevetti rispetto alla raccolta di prove di precedenti uso di brevetti o contenziosi.

Troll Gnomo OIN

Nel passato la comunità ha già dimostrato la sua capacità di protestare contro gli attacchi ai progetti open source, con oltre $ 150 raccolti dagli appassionati per finanziare la difesa di Gnome. Parallelamente, l'Open Invention Network (OIN) ha lanciato un'iniziativa per cercare la prova dell'uso precedente delle tecnologie descritte nel brevetto (Prior Art) per invalidare il brevetto (dopo il ritiro della domanda, questa iniziativa non è stata completata).

Rothschild Patent Imaging LLC è un classico troll di brevettioppure, vivendo in gran parte di cause legali contro piccole startup e aziende che non hanno le risorse per lunghe contenziosi e sono più facili da pagare insediamenti.

Negli ultimi anni, questo troll dei brevetti ha intentato circa un migliaio di cause. Rothschild Patent Imaging LLC possiede solo la proprietà intellettuale, ma non svolge attività di sviluppo e produzione, ad es. Questa società non può subire ritorsioni per aver violato i termini di utilizzo dei brevetti in qualsiasi prodotto. Solo uno può provare a provare l'invalidità del brevetto.

La Gnome Foundation è stata accusata di violazione di brevetto 9.936.086 sul gestore fotografico di Shotwell. Il brevetto è datato 2008 e descrive una tecnica per collegare in modalità wireless un dispositivo di acquisizione di immagini (telefono, webcam) a un dispositivo di ricezione di immagini (computer) e quindi trasferire selettivamente immagini filtrate per data, posizione e altri parametri. .

La querela sosteneva che per violare il brevetto basta avere la funzione di importare dalla fotocamera, la possibilità di raggruppare le immagini secondo determinati criteri e di inviare le immagini a siti esterni (ad esempio a un social network o un servizio fotografico).

Infine, se sei interessato a poterne saperne di più, puoi consultare i dettagli nel seguente link.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.