Ha ancora senso usare Ubuntu Studio?

Ubuntu Studio è una distribuzione specializzata in contenuti multimediali


Qualche mese fa il mio collega Pablinux si chiedeva se Ubuntu avesse troppi sapori. Ho risposto spiegando perché la distribuzione che ho utilizzato aveva senso per me. Tuttavia, pochi giorni fa Ho riconsiderato se abbia ancora senso utilizzare Ubuntu Studio se tutto il contenuto che genero viene realizzato con strumenti nel cloud.

Naturalmente questa è la mia esperienza personale e non intendo rappresentare nessuno né diventare arbitro della distribuzione che ogni persona dovrebbe utilizzare.

Ha ancora senso usare Ubuntu Studio?

Una distribuzione Linux È un insieme di componenti, per lo più open source o software libero, che, basati sul kernel Linux, aggiungono gli strumenti per avviare ed eseguire un sistema operativo.. La maggior parte include anche programmi di utilità come lettori video. o suite per ufficio.

Molte distribuzioni hanno uno scopo generale, ma alcune sono mirate a scopi specifici come la sicurezza informatica o l’istruzione. Nel caso di Ubuntu Studio è ottimizzato per la produzione multimediale.

Uno dei vantaggi di Linux è che qualsiasi distribuzione può essere utilizzata per qualsiasi cosa. Infatti, sia BlackArch Linux che Kali Linux ti consentono di installare i loro specifici strumenti di sicurezza informatica nelle loro distribuzioni di base. Lo stesso Ubuntu Studio con le sue applicazioni multimediali. Il vantaggio delle distribuzioni specifiche è che sono già ottimizzate per il lavoro. Ubuntu Studio è dotato, ad esempio, di un core a bassa latenza che fornisce agli strumenti multimediali un accesso prioritario alle risorse hardware.

Esiste un modo semplice per verificare la differenza tra un core a bassa latenza e uno normale, ascoltando contemporaneamente la radio via etere e Internet. Nella versione normale di Ubuntu arriva prima la trasmissione via aerea, in Ubuntu Studio è la trasmissione via Internet ad arrivare prima.

A questo dobbiamo aggiungere che dispone dei titoli di software gratuiti più importanti nel campo dell'editing audio, della produzione video e del design grafico.

Per un creatore di contenuti, avere tutti gli strumenti pronti all'uso ha tutto il senso del mondo. O no?

Nuvole nel futuro

Come ho detto in a precedente articolo, utilizzo Canva per la creazione di video e immagini. Non solo la sua raccolta di modelli e strumenti di intelligenza artificiale è ideale per una persona senza il minimo talento per la progettazione grafica, ma fa risparmiare tempo permettendoti di creare immagini della giusta dimensione.

Uno dei principali vantaggi dei servizi cloud è che non importa quale hardware possiedi, ti basta un browser aggiornato e una buona connessione Internet. Questo ci porta alla domanda iniziale: ha ancora senso usare Ubuntu Studio?

Il software ci renderà liberi

Qualche tempo fa ho raccontato la storia di College Humor, uno dei siti di video umoristici più popolari su Internet. Sedotti dal potenziale numero di visite e dalla riduzione dei costi, i responsabili hanno migrato i propri contenuti dal proprio server a Facebook. Tutto stava andando bene finché Facebook non ha cambiato l'algoritmo e College Humor ha perso la maggior parte delle sue opinioni, gran parte del personale è stato licenziato e l'azienda è stata venduta.

La morale è che non bisogna dipendere da servizi esterni, o almeno non esclusivamente. Il software libero sarà sempre lì e, se scompare, ci sarà sempre un progetto con cui sarà possibile aprire i file. Un altro punto da tenere presente è che le versioni utili di questo tipo di servizi sono solitamente a pagamento e, quando hanno un mercato vincolato, i costi aumentano o i benefici diminuiscono.

È quasi ovvio insistere sul problema della privacy che solitamente presentano questi tipi di servizi.. Ho dovuto cambiare le password perché anni fa qualcuno in Adobe pensava che fosse una buona idea salvare le password degli utenti Creative Cloud in un semplice file di testo.

Rispondendo alla mia domanda, non solo ha senso avere installato Ubuntu Studio, ma intendo anche imparare a usare Blender e Krita e dipendere sempre meno da strumenti automatizzati. In questi tempi di intelligenza artificiale, avere il proprio stile sarà un vantaggio competitivo.


3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   franco castello suddetto

    Il "significato" viene creato.

  2.   J1377x suddetto

    Penso che la cosa migliore sarebbe eliminare i sapori e lasciarti scegliere il desktop che desideri.
    Forse l'unico aspetto che dovrebbe rimanere è Edubuntu (a causa del suo uso molto specifico).

  3.   Giovanni Schmitz suddetto

    Al momento sto ancora utilizzando una distribuzione "generica", ovvero la 20.04 lts (con kernel personalizzato). Ho provato Ubuntu Studio, ed è molto buono, soprattutto per musica, effetti per chitarra, registrazione e riproduzione in tempo reale (multitraccia come in uno studio di registrazione, con registrazione anche tramite microfono), tastiera midi, editing musicale ed effetti per chitarra elettrica dal vivo, e posso dirti che funziona meravigliosamente. Se è a questo che serve, sì, Ubuntu Studio e il suo core a bassa latenza sono essenziali per questo tipo di lavoro. Inoltre, lavoro con core personalizzati da anni e puoi ottenere lo stesso risultato a bassa latenza che con un core "normale". La cosa migliore è sapere come personalizzare i core per ottimizzare il materiale, perché ad esempio, nel pilotaggio dell'automazione industriale, bisogna essere precisi e seri (niente "Ubuntu studio" per i musicisti), e non possono esserci errori di timing o nei sensori, né nel PLC o nel CNC (se un utensile entra in collisione con un mandrino durante l'alta velocità, o se il sensore del liquido di raffreddamento non trasmette i dati di guasto dell'elettrovalvola), ciò può causare gravi incidenti o perdite.