Installa TeamViewer su Ubuntu 18.04 e controlla da remoto il tuo sistema

Funzionalità di TeamViewer

Per coloro che non conoscono TeamViewer, ti dirò che questo è un software multipiattaforma privato che ci permette di connetterci da remoto ad altri computer, tablet o cellulari. Tra le sue funzioni principali ci sono: condivisione e controllo del desktop remoto, riunioni online, videoconferenza e trasferimento di file tra computer.

Questo lo rende un'ottima opzione per aziende, aziende, uffici e altro ancora. Ha la sua versione gratuita ea pagamento, in cui quello gratuito è limitato all'uso personale e quello a pagamento è focalizzato sulle aziende.

Nella versione precedente di Ubuntu, per essere precisi 17.10, l'uso di TeamViewer era limitato dal server grafico di questo, perché come tutti sapranno in Ubuntu 17.10 era stata presa la decisione di piazzare Wayland come server primario, sebbene Xorg fosse incluso anche come secondario e disponibile.

Questo era un problema imminente per l'utilizzo di TeamViewer poiché l'uso di sessioni remote in Wayland è troppo limitato poiché sono supportati solo il controllo remoto in uscita e il trasferimento di file in entrata.

Quindi se richiedevi una modalità bidirezionale, dovevi lavorare su Xorg, oltre al fatto che al momento c'è solo il supporto per Gnome in Wayland, questo è un altro problema poiché TeamViewer doveva creare e supportare una versione per ogni ambiente di scrivania.

Questo cambia già in Ubuntu 18.04 perché abbiamo di nuovo Xorg Come server principale, oltre al fatto che TeamViewer è in costante aggiornamento al momento è nella sua versione 13.1.3026.

Novità di TeamViewer 13.1.3026.

Come in ogni nuova versione, il codice è stato migliorato sulla base di una versione precedente per risolvere alcuni problemi e incompatibilità.

Tra i punti salienti di questa versione è che nella connessione dell'apparecchiatura l'host ora notifica all'utente le limitazioni della connessione in caso di lavoro su Wayland.

anche informa l'utente quando ha iniziato a funzionare in background e non è disponibile alcuna icona nella barra delle applicazioni.
Oltre a quello in questa versione finalmente è disponibile una versione completa del client, solo pochi mesi fa è stata realizzata l'integrazione nativa del cliente con le versioni a 64 bit.

Control remoto

La barra degli strumenti ha un nuovo aspetto, ora puoi modificare la risoluzione dello schermo remoto e avviare un trasferimento di file all'interno di una sessione di controllo remoto in esecuzione.

 

Come installare TeamViewer su Ubuntu 18.04 e derivati?

TeamViewerUbuntu 18-04

Per installare questo fantastico strumento nel nostro sistema dobbiamo per andare sul sito ufficiale del progetto e nella sezione download possiamo ottenere il pacchetto deb per sistemi a 32 e 64 bit.

Sebbene il ramo principale di Ubuntu abbia abbandonato il supporto a 32 bit, i suoi non derivati ​​come Kubuntu e Xubuntu hanno comunque rilasciato versioni a 32 bit in questa nuova versione 18.04 LTS.

Fatto il download possiamo installare il pacchetto con il nostro gestore di pacchetti preferito o anche dal terminale.

Solo per questo dobbiamo aprire una console, posizionarci sulla cartella in cui salviamo il pacchetto scaricato ed esegui il seguente comando:

sudo dpkg -i teamviewer*.deb

Una volta terminata l'installazione, potrebbe chiederci di configurare alcune dipendenze per la corretta esecuzione di TeamViewer sul nostro computer, per questo eseguiamo solo sul terminale:

sudo apt-get install -f

E con questo avremo l'applicazione installata nel nostro sistema.

Come usare TeamViewer su Ubuntu?

Se è la prima volta che utilizzi questa applicazione, dopo aver eseguito l'installazione devi eseguire il client TeamViewer sul tuo sistema e sui computer che si collegheranno tra loro.

Ora per connetterti a un altro computer il client ti dà una sezione per inserire l'ID dell'apparecchiatura a cui ti connetti e ti chiederà una password che dovrà fornirti, allo stesso modo ti dà un ID e una password che utilizzerai per connetterti in remoto al tuo computer.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Mario Ciacco suddetto

    Ottima spiegazione, buon contributo