Memcached 1.6.0 arriva con la stabilizzazione extstore e l'elaborazione del codice per le reti

Annunciato il rilascio della nuova versione di Memcached 1.6.0, che è un sistema distribuito generico per cache basata sulla memoria e quale viene utilizzato per la memorizzazione nella cache di dati o oggetti nella RAM, riducendo così la necessità di accedere a un'origine dati esterna (come un database o un'API).

Il suo funzionamento si basa su una tabella hash distribuita su più computer. Man mano che si riempie, i dati che non sono stati utilizzati più a lungo vengono cancellati per fare spazio a quelli nuovi.

Cosa c'è di nuovo in Memcached 1.6.0?

La nuova versione di Memcached 1.6.0 stabilizza l'implementazione del repository "extstore", che ora è costruito per impostazione predefinita, ma richiede l'attivazione esplicita all'avvio (le vecchie installazioni continueranno a funzionare senza l'aggiornamento dopo l'aggiornamento).

Sebbene lo storage di un archivio esterno sia generalmente considerato stabile, si consiglia di prestare attenzione quando lo si distribuisce su sistemi molto grandi.

Extstore consente di utilizzare unità SSD / Flash per espandere la dimensione della cache. Come con la RAM, l'archiviazione Flash non è persistente e si ripristina al riavvio.

Quando si utilizza "extstore", chiavi e metadati, come prima, sono memorizzati solo nella RAM, ma il big data associato a chiavi, la cui dimensione supera la soglia impostata, se archiviato in una memoria esternae solo il puntatore rimane nella RAM.

Se alla chiave sono associati piccoli dati, Memcached funziona come al solito, salva i dati in memoria e non accede alla memoria esterna.

Per preservare lo stato della cache tra i riavvii, è possibile utilizzare la possibilità di eseguire il dump del dump della cache nel file.

Il secondo grande cambiamento in Memcached 1.6.0 era l'elaborazione del codice per le reti, che è adattato per elaborare automaticamente le chiamate batch all'interno di una singola chiamata di sistema.

In precedenza, durante la trasmissione di più comandi GET in un singolo pacchetto TCP, Memcached inviava i risultati con chiamate di sistema separate.

In Memcached 1.6.0, le risposte vengono aggiunte e restituite inviare una chiamata al sistema. Di conseguenza, adesso viene prodotta una media di 1.5 chiavi per chiamata di sistema, che nei test mostra una riduzione del carico della CPU fino al 25% e una riduzione dei ritardi di diversi punti percentuali.

Il riciclaggio del sottosistema di rete ha inoltre consentito di passare all'allocazione dinamica del buffer, se necessario, anziché all'allocazione statica del buffer.

Questa ottimizzazione ha ridotto il consumo di memoria in modalità standby dei nuovi comandi su una connessione stabilita dal client di 4.5 Kb a 400-500 byte, e ha anche permesso di sbarazzarsi di molte chiamate malloc, realloc e gratuite, portando a una frammentazione della memoria non necessaria su sistemi con un gran numero di connessioni.

Ogni thread di lavoro ora elabora il proprio pool buffer di lettura / scrittura per connessioni client attive. Le opzioni "-o resp_obj_mem_limit = N"E"-o read_buf_mem_limt = N»Vengono forniti per impostare la dimensione di questi buffer.

Anche Branch 1.6 ha annunciato il trasferimento a la categoria del protocollo binario deprecato per interagire con il server. La manutenzione del protocollo binario e la correzione dei bug continueranno, ma le nuove funzionalità e gli aggiornamenti non verranno trasferiti alle funzioni esistenti. Il protocollo testuale continuerà a svilupparsi senza modifiche.

Il protocollo binario è stato sostituito dal nuovo meta protocollo (una versione testuale del protocollo con meta comandi compatti), che dimostra la combinazione ottimale di prestazioni e affidabilità. Il nuovo protocollo copre tutte le operazioni precedentemente disponibili tramite protocolli testuali e binari.

Come installare Memcached 1.6.0 su Ubuntu e derivati?

Per coloro che sono interessati a poter testare questo strumento, basta aprire un terminale e digitarlo:

sudo apt-get update 
sudo apt-get install php-memcached memcached

Appena per chi preferisce la compilation:

wget http://memcached.org/latest
tar -zxvf memcached-1.xxtar.gz
cd memcached-1.xx
./configure && make && make test && sudo make install

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.