Mir 1.8 è qui e viene fornito con miglioramenti per gli schermi HiDPI e altro ancora

Mir

Presentato il lancio della nuova versione dello screen server Mir 1.8, il cui sviluppo è continuato da Canonical nonostante il rifiuto dello sviluppo della shell Unity e dell'edizione Ubuntu per smartphone (Ubuntu touch).

Mir è ancora richiesto nei progetti canonici e ora è posizionato come una soluzione per i dispositivi integrato e Internet delle cose (IoT). Mir può essere utilizzato come server composito per Wayland, consentendo di eseguire qualsiasi applicazione che utilizza Wayland in ambienti basati su Mir, ad esempio quelli costruiti con GTK3 / 4, Qt5 o SDL2.

Mir è basato su EGL e utilizza parte dell'infrastruttura originariamente sviluppata per Wayland, come l'implementazione EGL di Mesa e il libhybris di Jolla.Il codice del progetto è scritto in C ++ ed è distribuito sotto la licenza GPLv2.

Cosa c'è di nuovo in Mir 1.8?

Nella nuova versione,Le principali modifiche sono relative a espansione del supporto per schermi alta densità di pixel (HiDPI) e portabilità migliorata, da quando Mir utilizza il protocollo Wayland, il corretto ridimensionamento è implementato sui display HiDPI.

a parte quello È possibile impostare impostazioni di scala separate per ogni dispositivo di output, compresi i valori di scala frazionaria.

Nel componente per supportare l'avvio di applicazioni X11 in un ambiente basato su Wayland e l'utilizzo di Xwayland, aggiunta la possibilità di modificare la scala per dispositivi di output fittizi, Inoltre, viene proposta l'opzione «–display-config» e il cursore X11 viene disattivato nella finestra Mir.

Mentre l'implementazione della piattaforma «wayland», che consente a Mir di funzionare come client sotto il controllo di un altro server composito Wayland, aggiunge la possibilità di scalare la produzione dei clienti Wayland.

Inoltre nel livello MirAL (Mir abstraction layer), che può essere utilizzato per impedire l'accesso diretto al server Mir e l'accesso astratto all'ABI attraverso la libreria libmiral, viene implementato lo stato "finestra non attiva". La demo mir-shell fornisce un corretto ridimensionamento in background e aggiunge il supporto per l'avvio di Gnome Terminal su tutte le piattaforme.

Si dice anche che alcuni problemi specifici sono stati risolti distribuzione, compresi i problemi all'avvio di Mir su Fedora e Arch Linux e il supporto dell'output scalabile è stato aggiunto per la piattaforma mesa-kms, che Mir fornisce sui controller Mesa e KMS (altre piattaforme sono mesa-x11, wayland e eglstream-kms).

Se vuoi saperne di più, puoi controllare il post originale nel seguente link

Come installare il server grafico Mir 1.8 in Ubuntu e derivati?

Per coloro che sono interessati a poter installare questo server grafico sui propri sistemi, dovrebbero sapere che il progetto di Mir non è esclusivo dei prodotti Canonical, poiché ci sono alcuni pacchetti di installazione preparati per facilitare l'installazione in Ubuntu 16.04 LTS, Ubuntu 18.04 LTS e Ubuntu 19.04 (con l'aiuto di un PPA), allo stesso modo ci sono pacchetti preparati per Fedora 29, Fedora 30 e Fedora 31.

Nel caso di quelli di noi che sono utenti di una versione con supporto Ubuntu, possiamo aggiungere il repository proposto nei nostri sistemi seguendo le istruzioni che condividiamo di seguito.

Tutto quello che devono fare è aprire un terminale sui loro sistemi (possono farlo con la combinazione di tasti Ctrl + Alt + T o con Ctrl + T) e in esso digiteremo i seguenti comandi:

sudo add-apt-repository ppa:mir-team/release
sudo apt-get update

Con questo, il repository è già aggiunto al tuo sistema, prima di installare il server grafico è assolutamente consigliato se nel tuo sistema stai usando controller privati per la tua scheda video o integrato, modificali in driver gratuiti, questo per evitare conflitti.

Una volta che siamo sicuri di aver attivato i driver gratuiti, possiamo installare il server eseguendo nel terminale:

sudo apt-get install mir

Alla fine dovrai riavviare il tuo sistema in modo che la sessione utente con Mir venga caricata e scegliere questa.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.