Accelera Ubuntu

velocizza Ubuntu

Bisogno velocizza Ubuntu? I sistemi operativi che sviluppano presso Canonical e le loro varianti sono sistemi che tendono ad essere fluidi e forniscono prestazioni elevate. Ma, come tutti i software del mondo, il nostro PC Ubuntu può perdere la sua agilità e diventare un po 'pigro.

Se riscontro tali problemi, cosa posso fare per migliorare le prestazioni di Ubuntu? In questo articolo ti mostreremo diversi piccoli trucchi per velocizzare Ubuntu, qualunque sia il gusto o la versione che stai utilizzando.

Scegli un buon file system o FS

Può sembrare sciocco, ma non lo è, tutt'altro. I file system migliorano nel corso degli anni e non vale la pena formattare un disco in formato NTFS se lo useremo su Linux. Di solito uso l'estensione File System ext4, ma puoi formattare la partizione / Home in NTFS se vuoi accedervi da Windows.

Crea più partizioni

Ubuntu ottimizzato

Una buona idea potrebbe essere quella di creare più partizioni. Molti di loro possono essere creati, ma vale la pena concentrarsi su 3:

  1. La partizione di root o /. In questa partizione andrà il sistema operativo e tutte le modifiche che apportiamo che non sono personali. Ad esempio, in quella partizione ci sarà il sistema e tutti i pacchetti che scaricheremo, ma i dati personali saranno nella partizione successiva.
  2. La partizione per la cartella personale o / Home. Tutti i nostri documenti e le nostre impostazioni verranno archiviati in questa partizione. Se lo facciamo bene, ogni volta che reinstalliamo il sistema, tutti i dati nella nostra cartella personale e le impostazioni saranno come li abbiamo lasciati.
  3. Scambia partizione o swap. Per dirla rapidamente e male, è come la RAM virtuale in cui verranno memorizzati anche alcuni dati. Si dice che la dimensione di questa partizione debba essere uguale alla nostra memoria RAM, anche se alcuni dicono che deve essere 1 GB in più.

Anche se sembra sciocco, avere queste partizioni separate renderà la partizione di sistema più confortevole perché non è contaminata da altri tipi di dati che non sarebbero necessari per il funzionamento del sistema operativo.

Abilita la cache di scrittura per il disco rigido

La cache di scrittura o Memorizzazione nella cache write-back è una funzionalità disponibile sulla maggior parte dei dischi rigidi per consentire loro di raccogliere informazioni sulla cache prima che venga scritta in modo permanente. Una volta raccolta una certa dimensione di dati, l'intero heap viene trasferito e archiviato contemporaneamente. Il risultato è la riduzione degli eventi di scrittura, che può ottimizzare il trasferimento dei dati sul disco rigido e migliorare la velocità di scrittura.

Per sapere se lo abbiamo attivo, dovremo aprire un Terminale e scrivere il comando:

sudo  hdparm -W /dev/sda

Se lo abbiamo attivato e vogliamo disattivarlo, scriveremo:

sudo hdparm -W0 /dev/sda

Usa strumenti come BleachBit

BleachBit in cromo

Potremmo dire che BleachBit è un file CCleaner per Linux. In Ubunlog abbiamo scritto l'articolo BleachBit, rimuovi i file non necessari dal tuo sistema operativo Linux, dove spieghiamo come installarlo e come funziona un po 'sopra. Se vuoi eliminare cache e tutti i tipi di file temporanei, devi provarlo

Gestisci il TRIM se utilizzi un disco SSD

Se il tuo disco rigido è SSD, le sue prestazioni possono essere ottimizzate gestione del TRIM con, ad esempio, l'apertura di un terminale e la digitazione del comando FSTR.

Velocizza Ubuntu con Swappiness

Scambiabilità

In Ubunlog abbiamo scritto l'articolo Swappiness: come regolare l'utilizzo della memoria virtuale, dove hai tutte le informazioni necessarie per capire cos'è e come viene utilizzato. Vale la pena dare un'occhiata per gestire questo punto perché possiamo anche rendere il sistema operativo un po 'più confortevole.

Scegli una distribuzione che funzioni bene sul tuo PC

Con così tanti sistemi operativi diversi tra cui scegliere, perché dobbiamo accecarci davanti a uno? Senza andare oltre, ne ho usati 4 diversi in una sola settimana. Ho provato ad abituarmi a Ubuntu standard, ma non mi piace la sua mancanza di fluidità. Mi è piaciuto molto Kubuntu e in realtà ho provato a installarlo di nuovo questo fine settimana, ma Kubuntu 2 LTS beta 16.04 non voleva installarlo sul mio PC. Ho anche installato il sistema operativo elementare, ma mancano funzionalità che mi sembrano essenziali perché è in ritardo di un anno o più. Alla fine resto con Ubuntu MATE e con il suo tema predefinito. Il mio PC è perfetto per me, anche se sto usando la beta 2 e non mi manca nulla.

Articolo correlato:
Come controllare le porte in uso in Linux

La mia raccomandazione è che ti piaccio. Inoltre, se hai le 3 partizioni di cui abbiamo parlato in un punto precedente, non perderai troppo quando andrai a testare i sistemi operativi. Se Ubuntu standard non ti soddisfa, puoi provare Ubuntu MATE, Sistema operativo elementare o anche Lubuntu o Xubuntu. Lo noterai.

Quali sono le tue soluzioni per migliorare le prestazioni di Ubuntu e delle sue varianti? I nostri consigli sono stati utili per velocizza Ubuntu e far andare più veloce il tuo PC?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

47 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   brais giorgio suddetto

    Ho un i5 con SSD e 8GB di Ram ... Penso che se ottimizzo maggiormente Ubuntu, mi rallenterà !!!!!! ... Perché è impossibile che vada così bene. hahahahahahaha

    1.    Paolo Aparicio suddetto

      Amico, non "andare a piedi nudi" per Ubuntu xD Il mio ha un disco normale, 4G di RAM e un i3. Ubuntu standard non è che sto andando male, ma mi rallenta e mi rende disperato. Ubuntu MATE, Kubuntu e Elementary OS sono molto meglio per me, ma preferisco MATE, che funziona velocemente senza perdere funzioni importanti.

      Saluti.

      1.    Luis Mora suddetto

        In tal caso, consiglio Zorin Lite. Kubuntu e Mate sono cortissimi.

      2.    acg suddetto

        calmo pablo. Ho un corei5 con 32 GB di ram ddr3 e disco wd ssd da 1 TB e Ubuntu Mate è super slowooo

    2.    Gesù suddetto

      Ho un SSD, come hai creato le tue partizioni, in particolare lo scambio?

      1.    Harry Hernando Solano Pimentel suddetto

        Ma amico: cosa stai facendo come infiltrato raccomandando altre distribuzioni in un blog di Ubuntu? Se sei un fan di un'altra distribuzione crea un blog sulla tua distribuzione preferita. Ho installato Ubuntu su diversi computer ed è quello che ha il miglior riconoscimento hardware e le versioni lts sono le più stabili che ci siano. il resto sta disinformando i tuoi lettori.

  2.   David Veloz suddetto

    Ho un core2duo e74000, un normale hard disk, 4g di ram e Ubuntu 16.04 va bene per me ... ed è beta 2. È un po 'vecchio

    1.    brais giorgio suddetto

      Bene, comunque, ce l'ho anche in un Asus x54c con 4Gb e un i3 (è vero che ho un SSD da 120Gb) ma la verità è che mi vola (con Unity) Prima ho usato Elementary (in un HDD da 500Gb che ha deciso di morire un giorno) ed è stato impressionante, ma ha sempre finito per darmi qualche glitch e alla fine sono passato a Ubuntu perché uso quel laptop per lavorare, quindi volevo soprattutto stabilità.

      1.    Paolo Aparicio suddetto

        Ciao Brais. Consiglio Ubuntu MATE, in particolare il 16.04 che verrà rilasciato giovedì. Se non tocchi il tema predefinito, le prestazioni sono di gran lunga superiori a Ubuntu. È più veloce. Sono molto felice di aver finalmente deciso di usarlo. Inoltre, hai il tema "Ammutinamento", che mette una barra laterale (che può essere messa sotto) come quella in Unity.

        L'unica lamentela che ho con Ubuntu standard è la sua velocità. Linux non può andare così. So che è distante anni luce da Windows, ma col tempo è l'unica cosa che sento, anche se quando torno a Windows mi rendo conto che non è poi così male xD

        Saluti.

        1.    nutrizionista online suddetto

          Scusa ma l'ultima parte non ti ha capito, vuoi dire che Linux è più veloce di Windows o più lento? Saluti!

          1.    Paolo Aparicio suddetto

            Ciao, non chiamo Windows, giusto? Quando parlo di PC, per me un PC è un computer "normale", e per normale intendo che puoi installare Windows e Linux liberamente.

            Ma per essere più chiari, Windows mi abbassa il morale e gran parte di ciò lo raggiunge perché è più lento del cavallo cattivo zoppo xD

            Saluti.


  3.   Miguel Angel Santamaría Rogado suddetto

    "[…] Puoi formattare la partizione / home in exfat se vuoi accedervi da Windows, ed è anche più veloce […]"

    L'uso di exFAT come filesystem per la partizione / home non credo sia altamente raccomandato. Da un lato, il supporto non è incluso di serie; d'altra parte, l'accesso a exFAT avviene tramite FUSE, quindi potrebbe essere più lento di qualcosa di nativo (ext4, ecc.).

    Va anche tenuto presente che exFAT non supporta caratteristiche più che desiderabili per la «casa»: permessi di accesso, proprietari, collegamenti simbolici, i caratteri consentiti non sono gli stessi, non ha journaling ... In breve, molti differenze per renderlo affidabile come file system per la partizione home. exFAT è un file system che va bene per quello per cui è stato costruito: sostituto FAT per dispositivi di archiviazione rimovibili.

    Saluti.

    1.    Paolo Aparicio suddetto

      Ciao miguel. Lo formatto in ext4, ma lo commento nel caso vogliate accedervi anche da Windows. Nel mio caso ho il dualboot e da Linux accedo a Windows. Se ho bisogno di qualcosa da Linux su Windows, lo lascio sul desktop da Linux.

      Saluti.

      1.    Miguel Angel Santamaría Rogado suddetto

        Ciao Pablo,

        Il problema è che per formattare la partizione home come exFAT, dovrebbe essere fatto dopo l'installazione (come ho detto, il supporto per exFAT non è incluso di default), quindi il contenuto originale di home dovrebbe essere spostato nella nuova partizione, quindi montare tutto a posto. E, soprattutto, una volta fatto tutto quanto sopra, non c'è certezza che tutto funzioni correttamente (non ci sono permessi, non ci sono collegamenti simbolici, non ci sono socket, ...) o che funzioni allo stesso modo (non ci sono journaling, viene aggiunto un nuovo livello - FUSE-, ...). Molto lavoro per nessun beneficio o addirittura "negativo".

        Se vuoi accedere agli stessi dati da più di un SO, è meglio fare quello che dici: copiare da Linux a un altro SO quello che vuoi condividere o creare direttamente una partizione di dati in un formato leggibile da tutti i SO coinvolti .

        Come esempio di cosa può accadere facendo queste cose lascio questo link [1] in cui un utente cerca di condividere dati tra OS X e Windows utilizzando una partizione exFAT come directory / Users (l'equivalente di / home in Linux); SPOILER: sbarazzarsi di file danneggiati 😉 MORALEJA: esperimenti con acqua gassata e addolcita 😉

        Saluti.

        [1]: http://superuser.com/a/1046746

        1.    Paolo Aparicio suddetto

          Hai ragione. Ci ho pensato più tardi. Ho le mie unità esterne e pen drive in exfat, ma le ho create da OS X.

          Lascio solo l'opzione NTFS.

          Saluti.

  4.   Jorge Ariel Utello suddetto

    ogni volta che vado peggio

  5.   o2bith suddetto

    Bene, ho un i7 con 16 GB di RAM e 2 GB di video, ho rimosso Ubuntu, ho installato Linux Mate ed è un aereo.
    Non torno più su Ubuntu.

  6.   Giovanni Manuel Olivero suddetto

    Ciao
    Ho provato OS elementare, Linux Mint 17.3, manjaro 15.12 xfce, è molto leggero e potente (ovviamente non ArchLinux sotto). Ma uso Ubuntu Mate da 15 mesi dalla versione 15.04, su un Toshiba con 8gb di ram e processore I5, è la mia distribuzione preferita e con cui lavoro in produzione insieme a un mac. Dopo molti anni ho lasciato definitivamente le finestre all'inizio dello scorso anno. Ieri sera ho aggiornato alla versione LTS di Ubuntu Mate 16.04, semplicemente dal menu di amministrazione del sistema e controllando i nuovi aggiornamenti.
    saluti

  7.   cuoco suddetto

    Ciao a tutti, per rafforzare un po 'quello che l'autore consiglia, utilizzo Ubuntu mate in ogni sistema in cui posso metterlo ahahah, ho provato tutti i gusti di Ubuntu, suse leap, tumbleweed, arch, debian, puppy, gentoo ecc….
    attualmente a casa mia ci sono 5 desktop, 2 notebook e un raspberry pi 3 model b, tutti con Ubuntu mate, sono sempre stato un "malato" che provava qualsiasi versione beta e alpha che uscisse da qualsiasi distro, ma davvero da quando ho provato Compagno di Ubuntu, devo dire che sono guarito hahaha
    funziona perfettamente su tutti i sistemi in cui lo installo, consiglio Ubuntu mate 16.04 a tutti !!!!!

  8.   Ivan Castillo suddetto

    Ho provato Ubuntu Mate di recente e mi è piaciuto molto, l'ho installato nel pc resurection (XD), un core 2 quad 9400 8 gb con un gt 430, un solido da 64 gb e due hdd da 320 e 620 gb e la verità è che le prestazioni sono abbastanza buone. Inizialmente avevo un hd 7790, ma amd ha molti problemi con i driver non riuscivo nemmeno a compilare il kernel a bassa latenza con i driver amd. Quindi ho dovuto installare un vecchio nvidia gt. Ma la verità è che mi mancava già la vecchia immagine di Ubuntu quando l'ho provata per la prima volta (Ubuntu 8.04). Penso che sia definitivo, elimina definitivamente le finestre.

  9.   Santiago G. Mencías-Villavicencio suddetto

    Cordiali saluti.
    Proprio come te, ho Ubuntu di default ma mi è piaciuto molto Mint Mate, è più fluido e veloce e mi piace il design. Con Cinamon ho avuto problemi. Ora la domanda è: come hai fatto a creare così tante partizioni, di default ti permette di fare solo 4 partizioni, cioè se vuoi fare una quinta partizione, non lo consente più, almeno nel modo tradizionale.

  10.   Ann suddetto

    nel mio caso ho Ubuntu 16.04 su un netbook da 1 GB di RAM con Intel Atom e funziona più o meno, raramente rimane bloccato.
    la mia domanda è se esiste un altro sistema Linux compatibile o che funziona meglio su computer con queste caratteristiche.
    saluti

    1.    Paolo Aparicio suddetto

      Ciao Ana. Ce ne sono molti tra cui scegliere. Sono un utente di Ubuntu MATE da molto tempo, ma mi dà alcuni problemi che la versione standard di Ubuntu non mi dà. In questo momento uso Ubuntu, ma sacrifico alcune prestazioni. Puoi provare Ubuntu MATE, che nella versione 16.04 ha un tema chiamato "Mutiny" che ha il launcher di Ubuntu o un knockoff.

      Se vuoi sistemi più leggeri (anche limitati), puoi provare Xubuntu o Lubuntu. Da ottobre ci sarà anche un'altra versione ufficiale di Ubuntu chiamata Ubuntu Budgie, nel caso volessi qualcosa di più visivamente attraente.

      Saluti.

      1.    David Alvarez 78 suddetto

        ciao pablo con un hp intel pentiun dual core da 1.5 ghz e 3 gb di ram che assomiglierebbe a ubuntu
        compagno o unità?

        1.    Paolo Aparicio suddetto

          MATE migliore. Il mio PC è a 2 GHz e 4 GB di RAM e mi sento meglio con Ubuntu MATE. Il fatto è che sul mio PC, Ubuntu MATE non funziona bene (si blocca di tanto in tanto), quindi uso la versione standard (Unity) che l'unico problema che ho riscontrato è che ci vuole un po 'più di tempo per fare alcune cose . Ma se di tanto in tanto non mi congelasse, cosa che non accade su tutti i computer, utilizzerei Ubuntu MATE.

          Saluti.

  11.   Miguel Esteban Yanez Martinez suddetto

    Ciao Pablo, ottimi i tuoi articoli, in generale mi sono serviti molto, attualmente uso ubuntu 16.04 su un hp core i5 con 4 ram, ho intenzione di espanderlo a 8 ma per il momento voglio provare ubuntu MATE (ubuntu è lento in alcune occasioni) e ubuntu studio (mi sto dilettando nel disegno vettoriale e ho anche avuto problemi con inkscape e disegno). La mia domanda è: se installo questi due sistemi operativi sullo stesso disco, le partizioni consigliate dovrebbero essere duplicate o semplicemente generare una nuova partizione per il sistema operativo e basta?
    saluti e grazie

    1.    Paolo Aparicio suddetto

      Ciao miguel. La partizione di swap è condivisa e la partizione home può essere condivisa. Utilizzando "home" su diversi sistemi ho avuto solo problemi a passare da una versione di Ubuntu (ricordo bene) a Elementary OS, ma perché Elementary usa il proprio ambiente e causa una certa compatibilità. Credo che Ubuntu, Ubuntu MATE e Ubuntu Studio siano perfettamente compatibili, ma ognuno dovrebbe avere la propria partizione "root".

      Un'altra cosa che puoi fare è creare il tuo Ubuntu Studio. Fondamentalmente, Ubuntu Studio è un Ubuntu che ha strumenti di editing audiovisivo installati e quel genere di cose, quindi puoi installare Ubuntu MATE e installare il resto. Se non sbaglio, c'è anche un pacchetto che installa tutto da Ubuntu Studio, ma non posso dirti di cosa si tratta. È meglio cercare "ubuntu studio" nel gestore di pacchetti Synaptic.

      Saluti.

      1.    Miguel Esteban Yanez Martinez suddetto

        Grazie per la tua risposta Pablo, ma ho un dubbio, Ubuntu studio a parte non dovrebbe essere ottimizzato per l'uso di applicazioni di progettazione e editing multimediale? in realtà è quello che sto cercando, che il sistema funzioni velocemente con le app di editing.
        E hai trovato qualche soluzione per elementare con altre distribuzioni? O semplicemente lasciarla sola sarà un'opzione?
        saluti e grazie per l'aiuto incalcolabile.

        1.    Paolo Aparicio suddetto

          Ciao miguel. Non provo Ubuntu Studio da un po ', ma l'ho fatto alcuni anni fa. Come ho già detto, è come un pacchetto (ubuntustudio-desktop se non sbaglio). Si potrebbe dire che, come con molte distribuzioni, Ubuntu Studio ISO è un Ubuntu con tutto il necessario per l'editing audiovisivo installato di default. Ti dico questo perché puoi installare la tua versione preferita di Ubuntu e installare il pacchetto in seguito.

          Quello che è certo è che Ubuntu Studio ora utilizza l'ambiente grafico Xfce, che è molto leggero e configurabile. Se lo fai, può essere il migliore per te.

          Il problema che ho avuto con Elementary non era l'incompatibilità con un altro sistema durante il dual-boot o qualcosa di simile. Il mio problema stava cercando di passare da una distribuzione Ubuntu (penso che fosse MATE) a Elementary senza formattare la partizione / home. Poiché i file di configurazione sono archiviati in quella cartella, ha riscontrato conflitti che non ha potuto risolvere. Se vuoi farlo, è meglio salvare solo ciò che è veramente importante ed eliminare il resto prima di eseguire la nuova installazione, specialmente tutto ciò che ha a che fare con GNOME e quei file da un ambiente grafico diverso da quello che stai andando installare.

          Saluti.

  12.   Monica suddetto

    Ciao. Ho un Toshiba molto vecchio con un Dual Core e 2 Gb di Ram e avevo Ubuntu 14.04 e stavo andando bene. Recentemente ho ricevuto un piccolo messaggio nel caso volessi aggiornare a Ubuntu 16.04 e dopo l'aggiornamento va altrettanto bene.

  13.   jvsanchis1 suddetto

    Ho Ubuntu 16.04.1 LTS ma l'avvio è molto lento. Ho usato diversi suggerimenti ma si avvia lentamente.
    Ho pensato se le partizioni potessero avere qualcosa a che fare con esso perché ho quelle che Ubuntu crea automaticamente nella sua installazione e sembra che root (/) e / home siano sulla stessa partizione. Se è così, potrebbe essere il problema? E in quel caso, qual è la soluzione?

  14.   jvsanchis1 suddetto

    Uso Ubuntu 16.04.1 LTS su toshiba satellite con 4 GB di RAM e 500 GB su HDD. Ma nonostante abbia seguito vari suggerimenti, si avvia lentamente, molto lentamente. Con le partizioni sono quelle create automaticamente nell'installazione penso che Root / e / home siano nella stessa partizione. Questa potrebbe essere la causa? C'è una soluzione nel tuo caso?

  15.   Claudio Moore suddetto

    Ti auguro il meglio!!! Un carro va più veloce della mia squadra. Per favore aiuto. Si blocca tutto il tempo. Ho Ubuntu 14.04.LTS Processore Intel Pentium 4 Cpu 3.00Ghz x 2 Gallio Graphics 0,4 su lumpipe LLVMA 3,4, 128 BITS) OS TYPE 32 BITS DIsCO 77 Gb. Non supporta gli aggiornamenti. So che la mia macchina sta morendo ma potresti darmi informazioni su come prolungarne un po 'di più la vita solo per la maggior parte delle operazioni. Grazie !!!!!

  16.   Carlos CS suddetto

    Ebbene, la mia macchina è un po '"vecchia", ha una decina d'anni. È un Toshiba Satellite con un Core 2Duo T7200, 4 Gb di RAM e 250 Gb di HD classico. Un'ampia varietà di sistemi operativi è passata attraverso questa macchina, da windows xp, windows vista (veniva installato per installazione), windows server e, quello che è durato più a lungo essendo microsoft, windows 7 (devo dire che quest'ultimo ha girato per essere il mio preferito per molto tempo) Ho anche avuto Debian su di esso, che è stata per molto tempo la mia distribuzione preferita (anche se richiede molto lavoro per ottenerlo ben personalizzato e sintonizzato), Ubuntu 14.04 è stato molto tempo con me e, ultimamente ho provato a testare linux Mint, ma la versione con KDE non gira bene, il mio vecchio collega manca di risorse per poterla muovere fluentemente. Finora la distro che meglio si adatta sia al mio computer che alle mie esigenze e gusti è Xubuntu, in questo momento utilizzo la 16.04.1 e devo dire che funziona molto bene, è stabile, leggera e fluida.
    Pertanto, consiglio Xubuntu a chi ha un PC un po 'vecchio e non vuole rinunciare a un ambiente Linux carino e affidabile.
    Un saluto.

    PD: Penso di aver esagerato con la tirata. Scusa xD

  17.   Giovanna Maria suddetto

    C'è qualche programma in Linux o Ubuntu per guardare la televisione online (Movistar, Wuaki, Netflix)?

  18.   David Alvarez 78 suddetto

    Succede a qualcuno che Ubuntu 16.04.2 si avvia più lentamente di 16.04.1?

  19.   Alexander H suddetto

    Personalmente, la beta di Ubuntu 17.04 è molto lenta e ho un i7-4500u, 4 GB di ram e 1T in HDD.
    richiede troppo tempo per l'avvio e molto tempo per aprire le applicazioni.

  20.   CubeNode suddetto

    Ehi, grazie mille per i suggerimenti! Ha funzionato perfettamente per me, penso che stia andando molto meglio ora <3 Eternamente grato!

  21.   Darius suddetto

    Ciao Pablo, ho un PC con 4 GB di RAM; Questo mese ho sostituito Windows 10 con Ubuntu standard (che è il sapore di Ubuntu che mi piace di più). Il sistema operativo era molto lento, ma da quando ho applicato i suggerimenti nel tuo tutorial, sono andato alla grande. Grazie per aver condiviso la tua conoscenza!

  22.   LEEM2002 suddetto

    HO UN COMPUTER CON 8 GB DI RAM E 1 TB HDD, HO UBUNTU 17.10, PROCESSORE AMD DUAL CORE ... IL DETTAGLIO È CHE HO CAPITO CHE QUANDO IL PUNTATORE SI AVVICINA AL DOCK, DIVENTA LENTO (PUNTATORE) E FASTIDIOSO. .. QUALCHE IDEA PER RENDERLO PIU 'FLUIDO?

  23.   Blog di programmazione suddetto

    Ciao a tutti, questo pomeriggio mi sono divertito a fare dei test con il mio 1ram intel celeron, forse il problema è il chip, ma sicuramente no. Non lo so, vedo i commenti e la stragrande maggioranza non pensa di notare molto l'ottimizzazione con quei macchinisti. Ma hey dove stavo andando, come ho detto questo pomeriggio ero annoiato e ho pensato di fare alcuni test con un vecchio laptop, non mi ci sono voluti molti minuti per rendermi conto che l'ultima versione di Ubuntu gira più lentamente rispetto a Win OS 7 ottimizzato. Hmmm piccoli schermi grigi e frenata, nessun flusso, e ora proverò con mate e commenterò, ma secondo me il grafico di ubuntu sembra sempre più pesante, forse dovrebbe vivere in full ctrl alt T. Ottimo post in ogni caso.

  24.   clero suddetto

    Saluti,

    Quando provo a gestire il Trim inserendo il comando che suggeriscono, ottengo:
    fstrim: nessun punto di montaggio specificato

    Ho un'unità SSD Samsung.

  25.   Alan suddetto

    Il mio primo giorno in Ubuntu, è stato difficile per me sapere come installarlo, dopo diversi video l'ho preso, ora sto vedendo come lo faccio più velocemente, per il momento, mi sembra veloce. Ora sto imparando come installare nuovi programmi.

  26.   Miguel Rincon Huerta suddetto

    Ho usato Ubuntu per molto tempo, ma quando sono passato al nuovo desktop (credo unità) mi sono completamente disimpegnato, non mi è mai piaciuto. È stato quando ho dato a Windows 7 una possibilità, un ottimo sistema. Ma sentivo che mancava qualcosa. Ora finalmente torna su Ubuntu nella sua versione MATE, per me la migliore con il vecchio e affidabile gnome 2.X, tutto su un I5 con 16GB di ram e un SSD da 250GB, devo dire che vola letteralmente. Come informazione aggiuntiva, a causa della quantità di memoria non utilizzo una partizione di swap, quindi costringo il sistema a fare tutto tramite la RAM che per il sistema e per un utilizzo semiprofessionale va bene. Saluti.

    1.    Miguel Rincon Huerta suddetto

      PS La versione di Ubuntu Mate è la 16.04 LTS. Ha anche l'Elitebook con una stazione EGPU con una GTX 750 TI con CUDA abilitato per il rendering in Blender. Saluti e scusa per le vertigini lanose. XD

  27.   clau suddetto

    Quello che osservo molto ogni giorno e sfortunatamente, è che la maggior parte di Linux all'inizio ha optato per la fluidità piuttosto che per l'estetica che nel caso di Ubuntu con 8 e 9 erano eccellenti non avevano bisogno di mettersi in mostra e non era necessario interrompeteli per scuse come il kernel "sicurezza" e altre 500 scuse, nel mio caso non sono a conoscenza che oggi parliamo di un PC con 2 GB di RAM che ha problemi a riprodurlo e molto meno di un i3, i5; li hanno anche i7 o nel mio caso un AMD Phenom II. Purtroppo la maggior parte dei Sistemi Operativi ha perso la propria origine e soprattutto la propria funzionalità, perché per ciascuno che abbia dei difetti o funzioni a metà, la verità non ha senso. Molte distribuzioni hanno perso il rispetto solo per imitare gli altri e nel mio caso le valuterò solo quando creeranno versioni per vecchi computer con requisiti minimi (reali), "C'È LA VERA SFIDA". Né è impossibile migliorare quelli vecchi con aggiornamenti abbastanza semplici, come ho detto all'inizio di questo messaggio, oggi potremmo goderci molti preferiti e non con risorse minime adeguate per risorse esagerate e per avere un bell'aspetto che ho il meglio PC questo il resto ...

    1.    Juan Carlos suddetto

      Sono d'accordo con il tuo approccio, la maggior parte delle distribuzioni Linux oggi e da Ubuntu 14.04 e / o 16.04 e la versione di Debian su cui si basa stavano consumando e consumando molte risorse per i computer più popolari utilizzati dal 2014 ad oggi, da Pentium 4 alla velocità stock di 3GHz del socket 478 e chipset Intel 865G, Via e SiS, a un Core 2 Duo E4300 a 1,8GHz alla velocità stock, o qual è lo stesso in termini di prestazioni, ma con un altro nome, un Pentium Dual-Core E2180 a 2GHz anche a velocità di fabbrica, e credetemi che non è solo il problema degli ambienti grafici, ma ogni tanto rilasciano un nuovo codec che, non essendo supportato dal chip e / o dall'architettura della scheda grafica, allora il codec va direttamente a consumare la CPU e molto, arriva a consumare fino al 100% della CPU in un Core i3 4160 usando i suoi 4 thread, sia in Chrome che in Firefox nelle sue ultime versioni, e qui arriva la cosa peggiore e più brutta è che ingrassano e non ottimizzano i codec Li hanno già fatti consumare molta più CPU e thread per un po ', se uno vuole stare al sicuro più a lungo da questo dovrebbero essere notebook o PC con Intel Coffee Lake (ad esempio un Core i3 8100 o un i5 8300H) o con un Ryzen (come il Ryzen 3 2200G o 3200G, anche se per prezzo opterei per un Ryzen 5 2400G, visto che in molti paesi li stanno liquidando, oppure finalmente ne compro un usato, collaudato e in buone condizioni, senza difetti di qualsiasi tipo) Purtroppo questo è il mercato, l'obsolescenza programmata lascia abbandonato l'hardware più vecchio, come gli smartphone con Android 2.3 e precedenti, che, anche se mettono una rom personalizzata con Android 4.3, Jelly Bean, non è più utile, principalmente a causa della sua scarsa RAM e dell'evoluzione di Internet che richiede Android 7 minimo, e con 3 GB di RAM e 64 GB di ROM, e in PC e notebook ci sono almeno 8 GB di RAM e almeno 240 GB di SSD e / o un HDD da 1 TB , quindi non possiamo dare la colpa a una particolare distribuzione Linux se ogni sviluppatore diOgni componente riempie le proprie app di codice spazzatura, e questo accade perché molti di loro non hanno sviluppatori a tempo pieno e se dovessero rimuovere codice spazzatura in poco tempo rovinerebbero tutto, visto che ci sono strumenti più facili, da sviluppare, ma per fare qualcosa di leggero senza backport devi partire da zero, e questo non è redditizio nel mondo dello sviluppo, almeno questa è la mia logica, un po 'di filosofia sullo sviluppo del software.

      Spero di aver contribuito con qualcosa.

      Saluti. 🙂

bool (vero)