Pale Moon 31 è già stato rilasciato, conoscete le sue novità

Annunciato il rilascio della nuova versione del browser web, "Pale Moon 31.0" in arrivo dopo uno degli sviluppatori chiave identificare e protestare contro una serie di problemi di stabilità, le versioni sono state cancellate precedentemente formato da Luna pallida 30.0.0 e 30.0.1.

Per coloro che non hanno familiarità con il browser, dovrebbero sapere che lo è un fork del codice base di Firefox per fornire prestazioni migliori, preservare l'interfaccia classica, ridurre al minimo il consumo di memoria e fornire ulteriori opzioni di personalizzazione.

Il progetto aderisce alla classica organizzazione dell'interfaccia, senza passare all'interfaccia Australis integrata in Firefox 29, e con la previsione di ampie possibilità di personalizzazione.

I componenti remoti includono DRM, Social API, WebRTC, visualizzatore PDF, Crash Reporter, codice per raccogliere statistiche, controllo genitori e persone con disabilità. Rispetto a Firefox, il browser mantiene il supporto per la tecnologia XUL e mantiene la capacità di utilizzare temi sia completi che leggeri.

Pale Moon 31 Novità principali

Per la parte delle modifiche che sono evidenziate in questa nuova versione di Pale Moon 31.0, possiamo trovarlo Utilizzo della piattaforma UXP restituito (Unified XUL Platform), che sviluppa un ramo di componenti di Firefox dal repository Mozilla Central, privo di collegamenti al codice Rust e non includendo gli sviluppi del progetto Quantum. Il motore del browser utilizzato è Goanna 5.1, una variante del motore Gecko con codice spogliato per componenti e piattaforme non supportati. Agli utenti del ramo Pale Moon 29.x viene offerto un aggiornamento diretto alla versione 31.0.

Un'altra novità che spicca è quella il supporto è fornito per entrambi i vecchi plugin Firefox non modificato come per i nuovi plugin appositamente preparati per Pale Moon. Non è garantito che i vecchi plug-in siano stabili, quindi verranno contrassegnati nel gestore dei plug-in con uno speciale tag arancione.

D'altra parte si evidenzia anche che è stata migliorata la rappresentazione delle strutture definite con CSS grid e flexbox, così come le prestazioni dell'esecuzione parallela dei web worker in JavaScript, è stata migliorata anche la visualizzazione dei font in corsivo ed è stata inclusa anche le versioni aggiornate delle librerie nella distribuzione di base.

Inoltre, codice rimosso relativo all'utilizzo dei servizi Google SafeBrowsing e URLClassifier e ripristinato il codice per compilare il browser su macOS, rimosso l'API ArchiveReader non standard e ripulito i componenti di Mozilla per la raccolta dei dati di telemetria.

Del altre modifiche che si distinguono da questa nuova versione:

  • Rimosso il codice relativo al supporto della piattaforma Android.
  • Rimosso il framework di test di Marionette automatizzato.
  • Aggiunto supporto per controllare l'intera catena di proprietà o chiamate in JavaScript contemporaneamente utilizzando l'operatore "?".
  • Nel costruttore IntersectionObserver(), il passaggio di una stringa vuota assicura che la proprietà rootMargin sia impostata su default invece di generare un'eccezione.
  • Aggiunto supporto per identificatori di codec video VPx estesi.
  • Risolto un problema di vecchia data con la visualizzazione dei campi impostati direttamente nei tag body e iframe senza applicare CSS.
  • Correzioni trasferite relative alla mitigazione delle vulnerabilità.

Infine se sei interessato a saperne di più su questa nuova versione, puoi controllare i dettagli nel seguente link

Come installare il browser web Pale Moon su Ubuntu e derivati?

Per coloro che sono interessati a poter installare questo browser web sulla loro distribuzione, devono solo aprire un terminale nel sistema e digitare uno dei seguenti comandi.

Il browser ha repository per ogni versione di Ubuntu che è ancora attualmente supportata. E in questa nuova versione del browser c'è già il supporto per Ubuntu 20.04 Devi solo aggiungere il repository e installare digitando i seguenti comandi:

echo 'deb http://download.opensuse.org/repositories/home:/stevenpusser/xUbuntu_20.04/ /' | sudo tee /etc/apt/sources.list.d/home:stevenpusser.list
curl -fsSL https://download.opensuse.org/repositories/home:stevenpusser/xUbuntu_20.04/Release.key | gpg --dearmor | sudo tee /etc/apt/trusted.gpg.d/home_stevenpusser.gpg > /dev/null
sudo apt update
sudo apt install palemoon
 

Adesso per utenti che utilizzano la versione Ubuntu 18.04 LTS eseguire quanto segue:

echo 'deb http://download.opensuse.org/repositories/home:/stevenpusser/xUbuntu_18.04/ /' | sudo tee /etc/apt/sources.list.d/home:stevenpusser.list
curl -fsSL https://download.opensuse.org/repositories/home:stevenpusser/xUbuntu_18.04/Release.key | gpg --dearmor | sudo tee /etc/apt/trusted.gpg.d/home_stevenpusser.gpg > /dev/null
sudo apt update
sudo apt install palemoon

Per chiunque siano Utenti di Ubuntu 16.04 LTS eseguiranno i seguenti comandi nel terminale:

echo 'deb http://download.opensuse.org/repositories/home:/stevenpusser/xUbuntu_16.04/ /' | sudo tee /etc/apt/sources.list.d/home:stevenpusser.list
curl -fsSL https://download.opensuse.org/repositories/home:stevenpusser/xUbuntu_16.04/Release.key | gpg --dearmor | sudo tee /etc/apt/trusted.gpg.d/home_stevenpusser.gpg > /dev/null
sudo apt update
sudo apt install palemoon

Mentre per coloro che sono utenti Ubuntu 21.04 e 22.04 dovrebbero sapere che il pacchetto deb corrispondente non è stato ancora compilato, quindi possono monitorarlo da questo link.
Quando è disponibile, lo scaricano e lo installano con il loro gestore di pacchetti preferito.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.