PAPPL 1.2 arriva con il supporto per MacOS, nuove API, miglioramenti e altro ancora

Michael R Sweet, autore del sistema di stampa CUPS, ha annunciato il rilascio di PPPL 1.2, un framework di sviluppo di applicazioni di stampa basato su IPP Everywhere che si consiglia di utilizzare al posto dei tradizionali driver di stampa.

Per coloro che non sono a conoscenza di PPPL, dovrebbero sapere che questo framework è stato originariamente progettato per supportare il sistema di stampa LPrint e i driver Gutenprint, ma può essere utilizzato per implementare il supporto per qualsiasi stampante e driver durante la stampa su desktop, server e sistemi incorporati. Si spera che PAPPL possa aiutare ad accelerare l'avanzamento della tecnologia IPP Everywhere invece dei classici driver e facilitare la compatibilità con altri programmi basati su IPP come AirPrint e Mopria.

PAPPLA include un'implementazione integrata del protocollo IPP Everywhere, che fornisce un mezzo per accedere alle stampanti in locale su una rete ed elaborare le richieste di stampa.

IPP ovunque funziona in modalità "senza controller". e, a differenza dei driver PPD, non richiede la creazione di file di configurazione statici. L'interazione con le stampanti è supportata sia direttamente tramite una connessione alla stampante locale tramite USB sia tramite l'accesso alla rete tramite i protocolli AppSocket e JetDirect.

PAPPLA può essere costruito per sistemi operativi compatibili con POSIX, inclusi Linux, macOS, QNX e VxWorks.

Le dipendenze includono Avahi (per il supporto mDNS/DNS-SD), CUPS, GNU TLS, JPEGLIB, LIBPNG, LIBPAM (per l'autenticazione) e ZLIB. Basato su PAPPL, il progetto OpenPrinting sta sviluppando un'applicazione di stampa PostScript universale che può funzionare con le moderne stampanti compatibili con IPP (usate da PAPPL) che supportano PostScript e Ghostscript e con le vecchie stampanti che dispongono di driver PPD.

Principali novità di PAPPL 1.2

In questa nuova versione del framework che viene presentato, si evidenzia che è stato aggiunto il supporto completo alla localizzazione, con questa versione 1.2 la localizzazione offre le lingue inglese, francese, tedesca, italiana, giapponese e spagnola.

Un'altra delle modifiche che spicca in questa nuova versione di PPPL 1.2 è il supporto migliorato per macOS, oltre all'integrazione con il menu globale principale di macOS ed è stata aggiunta la possibilità di eseguire applicazioni di stampa in modalità server.

Oltre a ciò, si evidenzia anche che sono state implementate funzionalità aggiuntive del protocollo IPP (Internet Printing Protocol) e sono state aggiunte nuove API per determinare il livello di inchiostro e toner, per elaborare le notifiche, per limitare il numero di client e che è stato aggiunto il supporto per l'attributo IPP "printer-is-accepting-jobs" nelle funzioni papplPrinterDisable e papplPrinterEnable.

Degna di nota è anche l'aggiunta del supporto per l'interpolazione quando si stampano immagini JPEG o si utilizza la funzione papplJobFilterImage con l'anti-aliasing abilitato.

D'altra parte, si evidenzia che è stata aggiunta la possibilità di impostare dimensioni dei fogli personalizzate in millimetri, così come è stata aggiunta la compatibilità con le librerie OpenSSL e LibreSSL.

Tra le altre modifiche che si distinguono in questa nuova versione:

  • Aggiornato il codice del dispositivo USB utilizzato per creare dispositivi client USB e simulare i dispositivi USB nel software.
  • Collegamento fornito all'utente della directory con lo spool di stampa predefinito.
  • Migliorata la compatibilità con la libreria libcups3.

Infine se sei interessato a saperne di più su questa nuova versione, puoi controllare i dettagli nel seguente link

Come installare PAPPL su Ubuntu e derivati?

Per coloro che sono interessati a poter installare questa utility sul proprio sistema, possono farlo seguendo le istruzioni che condividiamo di seguito.

La prima cosa che devono fare è aprire un terminale e in esso digiteranno quanto segue per installare tutte le dipendenze necessarie:

sudo apt-get install build-essential libavahi-client-dev libcups2-dev \
libcupsimage2-dev libgnutls28-dev libjpeg-dev libpam-dev libpng-dev \
libusb-1.0-0-dev zlib1g-dev

Ora scaricheremo l'ultima versione stabile di PAPPL con:

wget https://github.com/michaelrsweet/pappl/releases/download/v1.2.0/pappl-1.2.0.zip

Decomprimi e procedi alla compilazione del codice sorgente con:

./configure
make

E procediamo all'installazione con:

sudo make instal

Una volta fatto ciò, possono consultare la documentazione in modo che tu conosca l'uso di PAPPL in questo link


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.