Il repository Ubuntu e sources.list

fonti.lista

Questo post è dedicato a chi è nuovo nella distribuzione e soprattutto nel mondo GNU/Linux. Oggi parleremo di uno dei file più importanti in Linux, più precisamente del file fonti.lista. Il nome di questo file è già abbastanza stimolante e indicativo di quello che può essere, poco in inglese che sappiamo.

Il funzionamento di una distribuzione Gnu / Linux è semplice, abbiamo da un lato i componenti del sistema operativo e dall'altro abbiamo una connessione sicura a un server dove il sistema operativo è provvisto di programmi, pacchetti e aggiornamenti. Questa qualità che molti paranoici sulla sicurezza possono sembrare un grosso buco è una delle migliori qualità che ha e che consente alle distribuzioni di migliorare giorno dopo giorno.

Ubuntu Ha una serie di server e una serie di applicazioni che ci consentono di aggiornare e proteggere il nostro sistema operativo, oltre a migliorare la nostra esperienza di interazione e aggiornamento. Ma anche così, ciò che funziona meglio, o ciò che funzionerà sempre indipendentemente dalla versione del sistema in cui ci troviamo, è la modifica manuale del file sources.list.

Come faccio a modificare e migliorare il mio file sources.list?

La modifica di un file di questo tipo è molto semplice, ma allo stesso tempo è necessario farlo con i permessi di amministratore.

[ATTENTO] L'edizione o la cancellazione sbagliata delle informazioni può rendere instabile il sistema operativo e persino renderlo inoperativo. Un buon mezzo di sicurezza è aprire il file con un editor di testo, copia le informazioni e incollale in un altro file. Così tanto ubunlog come me non siamo responsabili di ciò che può accadere, anche se ci sono molte copie del Source.list di Ubuntu.

Apriamo il terminale e scriviamo:

sudo nano /etc/apt/sources.list

Ci chiederanno la password e, dopo averla confermata, si aprirà una nano schermata con il testo del file. È possibile scegliere altri editor di testo, ma nano è ampiamente utilizzato e funziona direttamente dal terminale. Può darsi che abbiamo digitato male l'indirizzo sopra, in tal caso quella che verrà mostrata sarà una pagina vuota, quindi chiudiamo senza salvare e riscriviamola, ma questa volta correttamente.

Il file sarà simile al seguente:

editor nano con sources.list

Le prime righe che includono la parola cd-rom sono riferimenti al cd di installazione, vengono sempre con le parole "cdrom deb:” anche se è stato installato tramite rete o usb. Da qui iniziano a comparire varie righe che iniziano con “deb http://” o “deb-src”. Le righe non commentate sono quelle del file repository attivati, nel caso dell'immagine principale (main), il software gestito dalla comunità (universe).

Le righe che iniziano con ## (anche se dovrebbe essere sufficiente solo un cancelletto) lo sono righe commentate che hanno un testo che spiega il repository che segue o sono repository a cui non vogliamo che il nostro sistema operativo acceda. In ogni caso, quando il sistema vede questi simboli all'inizio della riga, capisce che quanto segue non è necessario e salta alla riga successiva che non inizia con questo segno.

Ci sono momenti in cui il repository è temporaneamente danneggiato o non vogliamo che la versione di un programma da quel repository venga installata, quindi l'opzione migliore è mettere questo segno all'inizio della riga del repository e smetteremo di avere problemi. Attenzione, se commentate un repository, cioè mettete il # all'inizio dell'indirizzo del server, dovete anche commentare l'indirizzo dei sorgenti, altrimenti darà un errore.

E come aggiungo un repository che mi ha detto un amico?

Ebbene, per aggiungere un repository non ci resta che andare alla fine del documento e mettere l'indirizzo del repository e l'indirizzo delle sorgenti, cioè il deb e deb-src

E come faccio a sapere che è un repository valido?

Tutti gli indirizzi di repository validi hanno questo formato:

deb http://indirizzo_server/nome_cartella nome_versione (principale o universo o multiverso o principale limitato, ecc.)

Quest'ultima parte della riga indica le sezioni del repository: principale è principale, mentre principale limitato indica una sezione software limitata.

L'unica precauzione che bisogna prendere in questo file in generale è che bisogna cercare di mettere i repository della stessa versione, cioè dell'aggettivo dell'animale che è la mascotte della nostra attuale versione di Ubuntu. Altrimenti corriamo il rischio che durante l'aggiornamento il nostro sistema mescoli pacchetti e versioni e impazzisca raggiungendo lo stato di "distribuzione rotto”, ovvero quando il sistema di utilizzo dei repository non funziona correttamente.

Una volta impostati i repository a nostro piacimento non ci resta che salvare, chiudere, andare sulla console e scrivere:

sudo apt update && sudo apt upgrade

E così inizierebbe l'aggiornamento della lista dei pacchetti riconosciuti dal sistema operativo.

Se hai letto l'intero Tutorial vedrai che è semplice, almeno prova a vedere il file. Di valore. Saluti.

Maggiori informazioni - Come aggiungere repository PPA a Debian e distribuzioni basate su di esso,


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Alberto suddetto

    Grazie mille per l'informazione

  2.   Pep suddetto

    Grazie, Merci, Tanke, Grazie, Forzato….

  3.   José Luis suddetto

    Ciao, sono nuovo a questo, ma cerco di tutto, non voglio che nient'altro impari.
    Te lo dico, quando arrivo a dove canonico…. beh, vado passo dopo passo ... Configurazione del sistema - Software e aggiornamenti - Altro software - Indico Canonical Partners (2) Indipendente (1) - Aggiungi, e qui copio e incollo la riga che appare sopra come esempio per incollarlo dove chiedo APT, Aggiungi sorgente e Aggiorna o qualcosa di molto simile, e alla fine mi dice che fallisce a causa della connessione, quando ho una connessione ... e sono entrato in sources.list con nano, e ho preso uno screenshot per ogni evenienza, e compaiono diverse righe in cui finiscono in main, e come se mi dicessero che c'è qualcosa che non va ... e io ... beh, non ne ho idea, scusa. Mi potete aiutare? Penso di avere la 16.04 e vorrei aggiornare almeno libreoffice, non so come farlo. Grazie per la tua risposta. Ti auguro il meglio