Rilasciato GIMP 2.99.4, la seconda versione di anteprima di GIMP 3.0

recentemente è stato annunciato il rilascio della nuova versione di GIMP 2.99.4 versione che è elencato come la seconda versione prerelease di GIMP 3.0 e che continua con lo sviluppo della funzionalità del futuro ramo stabile di GIMP 3.0, in cui è stata effettuata la transizione a GTK3.

È stato aggiunto il supporto standard per Wayland e HiDPI, la base del codice è stata notevolmente ripulita, è stata proposta e implementata una nuova API per lo sviluppo di plug-in della cache di rendering, aggiunto il supporto per la selezione e la modifica multistrato nello spazio colore originale.

GIMP 2.99.4 Nuove funzionalità principali

Rispetto alla versione di prova precedente, sono state aggiunte le seguenti modifiche:

È stato fatto del lavoro per migliorare l'usabilità della nuova presentazione dei cursori compatti utilizzato per configurare i parametri del filtro e dello strumento. Ad esempio, sono stati risolti i problemi con l'immissione manuale dei valori dalla tastiera; In precedenza, facendo clic sui numeri si cambiava il valore e ora imposta solo il focus di input, mentre facendo clic su un'area al di fuori dei limiti dei numeri, come prima, si porta alla regolazione dei valori. Inoltre, vengono risolti i problemi relativi alla modifica del cursore in base al contesto.

Risolto il problema con le intersezioni dei tasti di scelta rapida standard (Maiusc + clic e Ctrl + clic), utilizzato per selezionare più livelli (selezione multistrato), che potrebbe portare alla mascheratura o all'eliminazione di un livello per errore. Per evitare le intersezioni, i controller speciali che utilizzano Maiusc, Ctrl o Maiusc-Ctrl vengono ora attivati ​​quando si tiene premuto il tasto Alt. Ad esempio, invece di Ctrl + clic per abilitare / disabilitare la maschera di livello, ora è necessario premere Alt + Ctrl + clic.

La finestra di dialogo "Dispositivi di input" è stata ripulita, in cui rimangono solo i parametri dei dispositivi attualmente collegati al computer. I dispositivi virtuali e XTEST sono nascosti. Invece di tutti i possibili assi dello stilo, vengono mostrati solo gli assi che sono effettivamente supportati dal controller. I nomi degli assi ora corrispondono anche ai nomi dati dal driver (ad esempio, invece dell'asse "X", è possibile visualizzare "X Abs."). Se sul tablet è presente il supporto per l'asse di presa della pressione, il dispositivo attiva automaticamente la modalità di contabilizzazione della pressione durante la modifica delle curve.

Se modificato le impostazioni predefinite cosa si applica quando viene rilevata una nuova connessione del dispositivo. Quando i dispositivi vengono collegati per la prima volta, il loro utilizzo in alcuni strumenti è ora abilitato per impostazione predefinita.

È stato aggiunto un nuovo strumento sperimentale di selezione della pittura che consente di selezionare gradualmente un'area con tratti irregolari. Lo strumento si basa sull'utilizzo di un algoritmo di segmentazione selettiva (graphcut) per selezionare solo l'area di interesse.

Erano aggiunti nuove chiamate API per lo sviluppo di plugin relativi alla generazione di dialoghi e all'elaborazione dei metadati, riducendo in modo significativo la quantità di codice richiesta per generare i dialoghi. I plugin PNG, JPEG, TIFF e FLI sono stati trasferiti nella nuova API. Ad esempio, l'utilizzo della nuova API nel plug-in JPEG ha ridotto la dimensione del codice di 600 righe.

Le configurazioni multi-thread sono fornite per i plugin. Il parametro offerto nel configuratore, che determina il numero di thread utilizzati, era precedentemente utilizzato solo nel processo principale ed è ora disponibile per i plugin che possono determinare i parametri multi-thread impostati nella configurazione tramite l'API gimp_get_num_processors ().

Come installare GIMP su Ubuntu e derivati?

Cordoncino È un'applicazione molto popolare quindi può essere trovata all'interno dei repository di quasi tutte le distribuzioni Linux. Ma come sappiamo, gli aggiornamenti delle applicazioni di solito non sono disponibili presto nei repository di Ubuntu, quindi questo può richiedere giorni.

Anche se non tutto è perduto, da allora Gli sviluppatori di Gimp ci offrono l'installazione della loro applicazione da Flatpak.

Il primo requisito per installare Gimp da Flatpak è che il tuo sistema lo supporti.

Già essere sicuro di avere Flatpak installato nel nostro sistema, ora sì possiamo installare Gimp da Flatpak, lo facciamo eseguendo il seguente comando:

flatpak install https://flathub.org/repo/appstream/org.gimp.GIMP.flatpakref

Una volta installato, se non lo vedi nel menu, puoi eseguirlo utilizzando il seguente comando:

flatpak run org.gimp.GIMP

Ora se hai già Gimp installato con Flatpak e vuoi aggiornare a questo nuovo versione, devono solo eseguire il seguente comando:

flatpak update

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Suso suddetto

    È un peccato che non sia supportato o sovvenzionato da un'azienda forte per il suo miglioramento.

    Photoshop deve ammettere che ci vogliono molti anni di ricerca, quindi come è oggi, include anche Raw AI nello sviluppo.

    Ma hey, passo dopo passo.