Scopri Spotify Web Player, un'app web molto completa per Linux

sito web spotify

Dallo scorso marzo, il team di Spotify manca di sviluppatori dedicati al suo client ufficiale per la piattaforma Linux. Questo, oltre a tradursi in un tasso di sviluppo molto lento, ha fatto sì che le differenze di codice tra questa e le versioni Windows e Mac siano sempre più evidenti. Come se non bastasse, c'è un numero crescente di bug ed errori che non vengono risolti.

Come di consueto nel mondo di Linux, la Comunità ha continuato il suo sviluppo in modo altruistico in modo che questa applicazione non vada persa e, di conseguenza, si presenti Spotify Web Player per Linux, un'app web che trasforma il sito web di Spotify in un'applicazione desktop.

Ora che sicuramente non ci sarà un client Spotify su Linux (almeno non uno ufficialmente supportato), parliamo di Spotify Web Player, un'applicazione Node.JS sviluppata con Electron che funziona come un'alternativa più che interessante al client ufficiale del famoso servizio di streaming. Include un sistema di notifica sul desktop, dove vengono mostrati la copertina della canzone che stiamo ascoltando in quel momento, il titolo e l'autore e il nome dell'album.

anche si integra con la barra delle applicazioni attraverso un'icona dove menu tipici mostrati riproduzione, pausa, interruzione e riavvolgimento. In Unity, inoltre, presenta i suoi controlli nella Quicklist e alcune parti dell'interfaccia possono essere nascoste principale per nascondere la sua presenza. Ha anche l'integrazione dei testi delle canzoni, temi chiari, scorciatoie da tastiera e scorciatoie per ridurlo a icona nella barra.

Gli installatori sono disponibili tramite File .deb per le versioni a 32 e 64 bit compatibili con Debian e le distribuzioni basate su di essa, come Ubuntu. Puoi accedervi tramite il tuo link al sito Web di GitHub.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Seba Montes suddetto

    Spotify non ha mai dato un dollaro a Linux. E se volessi scaricare la musica da ascoltare quando sono offline? Questo mi serve? La versione Linux nativa di Spotify è mediocre. In Ubuntu 12.04 era molto indietro.

    1.    Alan Guzman suddetto

      Va bene amico, totalmente instabile.