Ubuntu 18.04 raggiunge la fine del suo ciclo di vita, a meno che non utilizzi la versione principale

Sapori di Ubuntu 18.04

Poco più di tre anni fa, Canonical ha lanciato la famiglia Bionic Beaver del tuo sistema operativo. È arrivato nell'aprile 2018, quindi è stata chiamata la versione principale Ubuntu 18.04 e il resto dei sapori aggiungeva la stessa numerazione ai rispettivi nomi. Come le versioni di aprile degli anni pari, questa era una versione LTS, il che significa che sono supportate per un periodo più lungo, ma non tutte le versioni sono supportate per cinque anni.

I cinque anni di supporto sono solo per la versione principale, cioè quella che utilizza GNOME e il nome è semplicemente Ubuntu. Il resto, Kubuntu, Lubuntu, Xubuntu, Ubuntu MATE, Ubuntu Budgie, Ubuntu Studio e Ubuntu Kylin sono supportati per tre anni, quindi, già a maggio 2021, hanno raggiunto il fine del suo ciclo di vita. L'ultimo aggiornamento di manutenzione per loro è stato il 18.04.5, Agosto 2020, ma hanno continuato a ricevere nuovi pacchetti e patch fino al 30 aprile.

Ubuntu 18.04 continuerà a essere supportato. Il resto dovrà essere aggiornato

Gli utenti che stanno ancora utilizzando una versione di Ubuntu 18.04 Bionic Beaver devono aggiornare ora. Personalmente, consiglierei di eseguire il backup dei file importanti e eseguire un'installazione pulita, poiché è probabile che qualcuno stia usando una versione a 32 bit, non più supportata, e ci sono alcune versioni che hanno persino cambiato l'ambiente grafico, come Ubuntu Studio, che ha continuato a utilizzare KDE Plasma, e Lubuntu, che è andato a LXQt.

Per quanto riguarda la versione da installare, se si utilizza un LTS, la cosa logica è pensare che sia preferibile un altro supporto a lungo termine, quindi il salto sarebbe a Focal Fossa (20.04). Se decidi di utilizzare la versione più aggiornata, quella è 21.04 che è arrivato poco più di due settimane fa. Da cui non vorrei caricare è da Ubuntu 18.04, la versione principale, poiché Hirsute Hippo sembra una versione più di transizione del solito, ma Ubuntu continuerà a godere del supporto per altri due anni. Scegli quello che scegli, è un must aggiorna ora.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.