Ubuntu 21.10 Impish Indri arriva finalmente con GNOME 40, Linux 5.13 e il nuovo installer come opzione

Ubuntu 21.10 Impish Indri

L'abbiamo già qui. In attesa di ufficializzarlo pubblicandolo sui social e aggiornando il suo sito web, Canonical ha lanciato Ubuntu 21.10 Impish Indri, così la nuova immagine può essere scaricata e il sistema operativo installato. Mi dispiace dire quello che sento, ed è che mentre scrivo questo articolo non riesco a smettere di pensare alla parola "delusione". I più conservatori non saranno d'accordo con me, ma la nuova versione del sistema operativo che dà il nome a questo blog è arrivata con un paio di componenti che non sono così nuovi.

È chiaro che siamo di fronte a un ciclo di lancio normale e che Canonical preferisce mettere più carne allo spiedo delle versioni LTS, ma Ubuntu 21.10 utilizzerà GNOME 40. Logicamente, per chi è ancora in GNOME 3.38 si tratta di un importante balzo in avanti, ma sono passate settimane da quando GNOME 41 è disponibile e le prestazioni potrebbero essere ancora migliori. Canonical è tornato a peccare di conservatore, e ad un certo punto dovrà smettere di esserlo e saltare una versione di GNOME. Forse per Ubuntu 22.04.

Punti salienti di Ubuntu 21.10 Impish Indri

  • Linux 5.13. Era uscito a giugno, e personalmente penso che avrebbero potuto aggiungere Linux 5.14 a Impish Indri. Non è arrivato in tempo al congelamento delle funzioni.
  • Supportato per 9 mesi, fino a luglio 2022.
  • GNOMO 40.5. La maggior parte delle nuove funzionalità di Ubuntu 21.10 sono legate all'ambiente grafico o alle sue applicazioni. Utilizzerai GNOME 40 con il dock a sinistra come hai fatto da quando sei passato a Unity:
    • Gesti sul pannello a sfioramento (solo Wayland).
    • Cestino sul molo.
    • Maggiori informazioni sulla squadra in «Informazioni».
    • Separatore tra app preferite e aperte (non preferite).
    • Nuovo tema Yaru per impostazione predefinita e il tema misto è stato rimosso.
    • L'app Calendari può importare .ics.
  • App aggiornate. Ci saranno GNOME 40.x e GNOME 41.
  • Firefox 93, nella sua versione Snap. È una mossa controversa, ma non tutto qui è stata un'idea di Canonical; È stato Mozilla a proporlo.
  • Thunderbird 91.
  • Ufficio libero 7.2.
  • Nuovo programma di installazione come opzione. Dovrebbe essere utilizzato per impostazione predefinita e essere uno dei punti salienti di Ubuntu 22.04.
  • Prestazioni migliorate, qualcosa che potremmo ben inserire come una delle modifiche relative a GNOME 40.

Ubuntu 21.10 ora disponibile dalla qui, e presto sarà nel sito ufficiale sistema operativo. Per me la domanda è d'obbligo: sai poco a poco che usano Linux 5.13 e GNOME 40 o li ringrazi per la stabilità?


Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.