VirtualBox 7.0.4 risolve vari arresti anomali e include il supporto per RHEL 9.1

VirtualBox 7.0

VM VirtualBox è un software di virtualizzazione per architetture x86/amd64

recentemente Oracle ha annunciato il rilascio di una versione correttiva del tuo sistema di virtualizzazione "Scatola virtuale 7.0.4", versione in cui sono state apportate circa 22 correzioni.

Per coloro che non hanno familiarità con VirtualBox, posso dirtelo questo è uno strumento di virtualizzazione multipiattaforma, questo ci dà la possibilità di creare unità disco virtuali dove possiamo installare un sistema operativo all'interno di quello che usiamo normalmente.

Principali novità di VirtualBox 7.0.4

In questa nuova versione che viene presentata, il interfaccia grafica, il menu del dispositivo offre un nuovo sottomenu per aggiornare i plugin guest, oltre a cosae un'opzione è stata aggiunta alla configurazione globale per selezionare la dimensione del carattere dell'interfaccia. Negli strumenti per i sistemi guest è stato migliorato il lavoro del file manager, ad esempio è stata fornita un'indicazione più informativa delle operazioni sui file.

Un altro dei cambiamenti che questa nuova versione presenta è nella procedura guidata per creare macchine virtuali, risolto un problema con l'eliminazione dei dischi virtuali selezionato dopo aver annullato l'operazione.

Oltre a ciò, in VirtualBox 7.0.4 il pacchetto Linux Guest Additions fornisce il supporto iniziale per i kernel SLES 15.4, RHEL 8.7 e RHEL 9.1, oltre a ripulire la gestione della ricostruzione dei moduli del kernel allo spegnimento.

so anche aggiunto il supporto per l'utilizzo di pagine di memoria nidificate durante la virtualizzazione di macchine virtuali nidificate in Virtual Machine Manager (VMM) per gli host con processori Intel e migliore indicazione dell'avanzamento durante l'installazione automatica dei plug-in per i guest Linux.

Per la parte della soluzione degli errori si dice che in VirtioSCSI risolto un arresto anomalo durante l'arresto di una macchina virtuale quando si utilizza un controller SCSI basato su virtio e problemi risolti con il riconoscimento di un controller SCSI basato su virtio nel firmware EFI.

Delle altre modifiche:

  • Risolti problemi che causavano arresti anomali su host macOS e Windows e blocco di guest Windows XP su processori AMD.
  • Script di avvio migliorati per host e guest Linux.
  • Fornito una correzione per un bug nel driver virtio-net fornito con FreeBSD prima della versione 12.3.
  • Risolto un problema con il comando 'createmedium disk –variant RawDisk' che ha causato la creazione di file vmdk errati.
  • Risolti i problemi durante l'utilizzo di tablet USB con macchine virtuali in configurazioni multi-monitor.

Se sei interessato a saperne di più sul rilascio di questa versione VirtualBox 7.0.4 puoi consultare il dettagli nel seguente link.

Come installare VirtualBox 7.0.4 su Ubuntu e derivati?

Per coloro che sono già utenti di VirtualBox e non si sono ancora aggiornati alla nuova versione, dovrebbero sapere che possono aggiornare solo aprendo un terminale e digitando il seguente comando al suo interno:

sudo apt update
sudo apt upgrade

Ora per coloro che non sono ancora utenti, dovresti sapere che prima di installare, devono assicurarsi che la virtualizzazione dell'hardware sia abilitata. Se utilizzano un processore Intel, devono abilitare VT-x o VT-d dal BIOS del computer.

Nel caso di Ubuntu e derivati, abbiamo due metodi per installare l'applicazione o, se del caso, aggiornarla alla nuova versione.

Il primo metodo è scaricare il pacchetto "deb" offerto dal sito web ufficiale dell'applicazione. Il collegamento è questo.

L'altro metodo consiste nell'aggiungere il repository al sistema. Per aggiungere il repository ufficiale del pacchetto VirtualBox, dovrebbero aprire un terminale con Ctrl + Alt + T ed eseguire il seguente comando:

echo "deb https://download.virtualbox.org/virtualbox/debian $(lsb_release -cs) contrib" | sudo tee /etc/apt/sources.list.d/virtualbox.list

Fatto questo adesso Dobbiamo aggiungere la chiave PGP pubblica dal repository ufficiale dei pacchetti VirtualBox al sistema.

In caso contrario, non saremo in grado di utilizzare il repository ufficiale dei pacchetti VirtualBox. Per aggiungere la chiave PGP pubblica dal repository ufficiale del pacchetto VirtualBox, esegui il seguente comando:

wget -q https://www.virtualbox.org/download/oracle_vbox_2016.asc -O- | sudo apt-key add -

Dobbiamo aggiornare il repository del pacchetto APT con il seguente comando:

sudo apt-get update

Fatto ciò, procediamo ora all'installazione di VirtualBox sul sistema con:

sudo apt install virtualbox-7.0

E pronto con esso, possiamo utilizzare la nuova versione di VirtualBox nel nostro sistema.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.