Wine 9.7 integra il supporto della compilazione per ARM64X, miglioramenti Vulkan e altro ancora

Nuova versione di Wine

Wine è una reimplementazione dell'interfaccia di programmazione delle applicazioni Win16 e Win32 per i sistemi operativi basati su Unix.

È stato annunciato rilascio della nuova versione di sviluppo di Wine 9.7 che arriva in chiusura, 18 segnalazioni di bug e implementate circa 123 modifiche, tra cui la aggiunto il supporto per la generazione di file eseguibili in formato ARM64X , oltre a miglioramenti della compatibilità con ABI ARM64EC, miglioramenti generali per il supporto ARM e altro ancora.

Per coloro che non conoscono il vino, dovrebbero saperlo questo è un popolare software gratuito e open source che consente agli utenti di eseguire applicazioni Windows su Linux e altri sistemi operativi simili a Unix. Per essere un po' più tecnico, Wine è un livello di compatibilità che traduce le chiamate di sistema da Windows a Linux e utilizza alcune librerie di Windows, sotto forma di file .dll.

Principali novità di Wine 9.7

In questa nuova versione di sviluppo di Wine 9.7, si distingue aggiunto il supporto per la generazione di file eseguibili in formato ARM64X che è stato utilizzato in WoA (Windows su ARM) dove i dispositivi utilizzano processori ARM64 ma possono eseguire applicazioni originariamente progettate per x86 emulando istruzioni x86 e che contengono il codice per gli ABI Arm64EC e ARM64. Questo miglioramento è stato raggiunto grazie all'opzione «-marm64x» che è stato aggiunto a Winebuild per generare librerie ibride ARM64X, così come l'opzione «-marm64x» in Winegcc per consentire la compilazione per ARM64X.

Un altro dei cambiamenti che spicca è il Lavoro svolto per migliorare il supporto per l'ABI ARM64EC (supporta l'emulazione ARM64), che ffacilita la migrazione delle applicazioni originariamente scritto per i sistemi da x86_64 a ARM64. ARM64EC consente di eseguire singoli moduli con codice x86_64 in ambienti ARM64 utilizzando un emulatore.

Oltre a ciò l'interfaccia del driver per l'API grafica Vulkan è stata riorganizzata, migliorandone così la compatibilità e le prestazioni in Wine, aggiunto un wrapper manuale vkQueuePresent, aggiunta una nuova voce del driver vulkan_surface_presented e rimosso le voci del driver non necessarie vkDestroySwapchain, vkCreateSwapchainKHR e vkGetSwapchainImagesKHR

Dalla parte di modifiche e correzioni apportate:

  • All'interprete WIDL è stato aggiunto il supporto per l'architettura ARM e la libreria dei tipi (TypeLib) nel vecchio formato (SLTG).
  • I vecchi titoli C&C si bloccano dopo il caricamento della mappa.
  • Diverse applicazioni necessitano del supporto per la classe NtQueryInformationProcess 'ProcessQuotaLimits' (MSYS2, ProcessHacker 2.x)
  • Blocco note++: il dispositivo di scorrimento della barra di scorrimento verticale è troppo piccolo per file lunghi
  • Medieval II Total War alcune unità parzialmente invisibili con d3dx9_30 integrato
  • Advanced IP Scanner si blocca sulla funzione non implementata netapi32.dll.NetRemoteTOD
  • PresentationFontCache.exe si blocca durante l'installazione di .Net 3.51 SP1
  • App che utilizzano ModernWPF arresto anomalo, Windows.Ui.ViewManagment.InputPane.TryShow non implementato
  • Windows XP Mspaint necessita di imm32.CtfImmIsCiceroEnabled
  • HP System Diagnostics non riesce quando si fa clic sulla scheda Dispositivi
  • ON1 photo raw si installa ma non esegue l'applicazione

Se sei interessato a saperne di più, puoi consultare i dettagli nel seguente link

Come installare la versione di sviluppo di Wine 9.6 su Ubuntu e derivati?

Per poter installare questa versione di sviluppo di Wine 9.6, è necessario apportare alcune modifiche al sistema. Il primo e più importante di essi è quello di Abilita il supporto dell'architettura a 32 bit. Vale la pena ricordare che, anche se il tuo sistema è a 64 bit, abilitare questo supporto ti farà risparmiare molti problemi che di solito si verificano, poiché la maggior parte delle librerie di Wine sono focalizzate sull'architettura a 32 bit. Per fare questo scriviamo sul terminale:

sudo dpkg --add-architecture i386

Ora dobbiamo importare le chiavi e aggiungerle al sistema con questo comando:

sudo mkdir -pm755 /etc/apt/keyrings
sudo wget -O /etc/apt/keyrings/winehq-archive.key https://dl.winehq.org/wine-builds/winehq.key

Fatto questo adesso aggiungeremo il seguente repository al sistema, per questo scriviamo nel terminale:

sudo wget -NP /etc/apt/sources.list.d/ https://dl.winehq.org/wine-builds/ubuntu/dists/$(lsb_release -sc)/winehq-$(lsb_release -sc).sources
sudo apt update 
sudo apt --download-only install winehq-devel
sudo apt install --install-recommends winehq-devel
sudo apt --download-only dist-upgrade

Possiamo verificare che abbiamo già installato Wine e anche quale versione abbiamo sul sistema eseguendo il seguente comando:

wine --version

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.