Che gusto di Ubuntu scelgo? #StartUbuntu

Sapore di Ubuntu

Se stai pensando di diventare quello che viene chiamato "switcher" e, come è probabile, il sistema operativo da cui vuoi passare è Windows, qui su Ubunlog Siamo disposti a darti una mano. Puoi sempre comprare un computer con il logo di una frutta, ma spenderai soldi che potresti non ripagare mai. La migliore alternativa a Windows è passare a Linux e, ovviamente, in un blog come questo ci impegniamo Ubuntu o una delle sue versioni ufficiali.

Nella storia di Ubuntu e dei suoi "sapori" ci sono andirivieni. Ci sono gusti che a un certo punto non sono più rilevanti e vengono interrotti. Sul versante opposto abbiamo progetti che iniziano come un "remix" di Ubuntu, Canonical pensa che quello che stanno facendo sia una buona idea e decide di accettarli come versione ufficiale. L'elenco può variare, ma non il cuore; tutti i gusti usano la stessa base.

Cosa sono i sapori di Ubuntu?

Se sei arrivato così lontano, sai già cos'è una distribuzione Gnu/Linux, ma anche così, è probabile che tu non sappia quale sia il «sapori» da Ubuntu. Un assaggio di Ubuntu è un Distribuzione Gnu/Linux basata su Ubuntu. In realtà è Ubuntu, ma con un desktop specifico, con strumenti specifici o per un tipo specifico di computer. Il comportamento dei gusti in Ubuntu è molto simile alle versioni Windows Home e Windows Professional: sono lo stesso sistema operativo, ma uno viene fornito con più software dell'altro.

Ok, sto iniziando a capire i gusti di Ubuntu. Ma che gusto scelgo?

Esistono circa una dozzina di versioni di Ubuntu. Ogni gusto ha uno scopo preciso e, senza entrare nei dettagli tecnici, vi cito brevemente le sue caratteristiche:

  • Ubuntu. La prima opzione da considerare è la distribuzione stessa, Ubuntu. Il desktop principale è GNOME, il più utilizzato nel mondo Linux, utilizzato anche da distribuzioni molto famose come Debian o Fedora. Sembra simile a quello che vediamo all'accensione di un Mac, ma Canonical preferisce mettere il pannello a sinistra e raggiungere da un lato all'altro. GNOME è molto facile da usare e la scelta preferita per molti quando si passa a Linux.
  • Kubuntu. È Ubuntu con il desktop KDE Plasma. È un desktop orientato all'utente finale, ovvero è molto facile da gestire e “trovare” le cose, anche perché ha un'interfaccia simile a quella di Windows. Con ogni versione rilasciata, l'hanno resa più leggera e produttiva, ma ha avuto una cattiva reputazione per non funzionare bene su alcuni computer. Questo è ciò che ha KDE, vogliono fare tutto e farlo bene, ma devono perfezionare tutto ciò che è nuovo che introducono.
  • Xubuntu. Questo è Ubuntu dedicato ai computer con poche risorse. Utilizza il desktop XFCE, più leggero dei precedenti ma per nulla intuitivo per gli utenti provenienti da Windows. Quello che è, è abbastanza personalizzabile.
  • Lubuntu. È un altro aspetto di Ubuntu dedicato ai computer con poche risorse, andiamo a capire cosa si intende per "vecchi computer". La differenza con Xubuntu è sul desktop: utilizza Lubuntu LXQt, un desktop molto leggero che sembra molto simile al vecchio Windows XP, quindi l'adattamento degli utenti Windows è molto semplice.
  • Ubuntu MATE. È simile a Kubuntu, ma invece di usare KDE usa MATE come desktop predefinito. MATE è il nome che scelse Martin Wimpress quando decise di creare qualcosa che somigliasse al vecchio GNOME 2.x, per chi preferiva usare il classico Ubuntu e non l'Unity sviluppato da Canonical, la verità è che all'inizio lo facevano non mi piace troppo.
  • Ubuntu Studio. Questo gusto è destinato a chi ama la produzione, sia essa musicale, grafica, multimediale o semplicemente legata al mondo dei testi. Da ogni settore sopra, Ubuntu Studio ha un toolkit che installa per impostazione predefinita. Quindi, nel caso della produzione grafica, ha Gimp, Blender e InkScapet; così via con ogni tema di produzione.
  • Ubuntu Budgie. È un sapore di Ubuntu che è fondamentalmente come uno GNOME a cui piace il trucco. Gran parte del coraggio di Ubuntu Budgie è condiviso con il sapore principale, ma ha il suo tema e un design più snello.
  • Unità di Ubuntu. Canonical ha abbandonato Unity ed è tornato a GNOME, all'epoca alla terza versione (e ha interrotto Ubuntu GNOME), quindi Unity è stato lasciato nel Limbo. Anni dopo, un giovane sviluppatore indiano lo ha riportato in vita ed è diventato di nuovo un sapore ufficiale. Ubuntu Unity utilizza il desktop sviluppato da Canonical, ma con le ultime versioni del software. Si distingue per l'utilizzo di Dash e per aver incluso tutte le modifiche apportate dallo sviluppatore che l'ha resuscitato.
  • Ubuntu Kylin. È un sapore rivolto principalmente al pubblico cinese, al punto che solitamente non lo trattiamo qui Ubunlog. Il desktop che utilizza è UKUI e nonostante abbia un buon design, è probabile che non tutto sia tradotto perfettamente in spagnolo.

Qual è il vincitore?

Es difficile scegliere tra tutte le opzioni disponibili. Non diremmo che uno è migliore di un altro, ma che ognuno è il migliore di se stesso. La versione principale utilizza un GNOME che è molto facile da usare; Kubuntu è per coloro che vogliono tutto; Xubuntu e Lubuntu sono per computer con risorse limitate, il primo è un po' più personalizzabile e il secondo un po' più leggero; Ubuntu MATE per chi ama il classico, anche il "vecchio", vedi le virgolette; Budgie e Unity sono per coloro che vogliono nuove esperienze; e Studio per i creatori di contenuti. E, beh, per chi parla cinese, Kylin. Con chi stai?


5 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   federico perale suddetto

    Dov'è Ubuntu "normale" o Ubuntu è sconosciuto a molti, ... sì, quello fornito con UNITY? Non contare per consigliarlo? LOL. Comunque è un buon articolo. Saluti. =)

  2.   Jorch Mantilla suddetto

    Un ottimo articolo, per chi vuole fare il passo, ma mi manca Ubuntu con unità… ..

  3.   Ismael medina suddetto

    Ottimi commenti, cosa mi dite di Elementary Freya, me lo avete consigliato? Dopo aver smesso di usare Windows, sono affascinato dal software libero ...

  4.   Anthony suddetto

    Ho installato Ubuntu 16.04 LTS a 64 bit, ne sono felice, ricevo aggiornamenti
    regolarmente, si blocca di tanto in tanto, ma non mi preoccupa molto, sono un privato
    e anche se lo uso da alcuni anni, ho imparato solo a creare, formattare le partizioni e fare l'installazione, con il DVD posso usare la console solo se ho i dati
    Ma se ricevo un problema durante l'installazione, è abbastanza raro che riesca a risolverlo.
    La domanda è:
    Mi consigliano di aggiornare a qualche nuovo aggiornamento.

  5.   Manuale suddetto

    Grazie per l'articolo, impari sempre qualcosa di nuovo. Molte grazie.