Primi passi con Ubuntu. Da dove comincio?

Nuovo Ubuntu

Installiamo Ubuntu, abbiamo avviato il sistema per la prima volta tempo... e adesso? I sistemi operativi basati su Linux hanno molti pacchetti che ci offrono un intero mondo di possibilità. D'altra parte, potrebbero esserci delle cose Ubuntu di cui non abbiamo bisogno. Allora da dove cominciamo? In Ubunlog Ve lo spieghiamo soprattutto agli utenti che non hanno mai toccato il sistema operativo sviluppato dal team Canonical.

Aggiorna il sistema

Aggiorna il sistema

Quando installiamo un sistema, molto probabilmente ci sarà in attesa di aggiornamenti. In molte occasioni, l'applicazione Software Update si apre automaticamente notificandoci che è possibile installare un software più recente. Se non si apre da solo, non dobbiamo fare altro che premere il tasto META (o cliccare sull'icona della griglia del launcher) e iniziare a digitare la parola “Aggiorna”, a quel punto la vedremo tra i risultati della ricerca. Se lo apriamo e ci sono aggiornamenti, dovremo solo fare clic su "installa", quindi inserire la password del nostro utente e premere Invio.

Installa / Rimuovi app

Ora che abbiamo il sistema aggiornato, dovremo installare il file applicazioni che riteniamo necessarie. È vero che Ubuntu ha molte applicazioni utili installate, ma c'è sempre qualcosa che possiamo aggiungere. Ad esempio, utilizzo il lettore VLC su tutti i miei dispositivi e lo installo per riprodurre qualsiasi video che potrei scaricare in futuro. Un'altra applicazione che potrebbe essere interessante è l'app di videochiamata o di messaggistica di turno, come Skype, una versione di WhatsApp web, Telegram, Discord o come si chiama quello che verrà. Per chi non ama i centri software, abbiamo sempre la possibilità di scaricare Synaptic, che è più di un negozio, è un gestore di pacchetti con un'interfaccia utente.

Una raccomandazione che faccio è non fare troppo pazzo. I sistemi operativi GNU/Linux sono altamente configurabili, ma ciò che è un vantaggio può anche essere un problema. Il problema può presentarsi se installiamo molti pacchetti che non utilizziamo e non puliamo bene il sistema una volta disinstallata l'applicazione principale, il che mi porta ad un altro punto: disinstallare le applicazioni che non utilizzeremo.

Disinstalla le app

a disinstallare le app che non utilizzeremo, non ci resta che aprire il Software Center e cliccare su Installato. Lì vedremo tutte le applicazioni che abbiamo installato, il che ci rende abbastanza facile trovare ciò che vogliamo disinstallare. Non ci resta che cliccare su cosa vogliamo rimuovere e poi su Disinstalla. Ad esempio, il registratore di dischi se la nostra versione di Ubuntu lo include per impostazione predefinita. Perché dovrei volere un registratore su un computer che non dispone di un registratore?

Installa codec e driver

Se siamo connessi a Internet, Ubuntu può scaricare ciò di cui abbiamo bisogno quando ne abbiamo bisogno, o almeno ci informerà che dovremmo installare pacchetti extra. Ma, ovviamente, come ho detto, se siamo connessi a Internet. Ad esempio, se stiamo per riprodurre un video che utilizza un codec che non abbiamo installato, Ubuntu ci chiederà se vogliamo scarica il codec per poter riprodurre il video, ma cosa succede se non siamo collegati? Questo è il motivo per cui è consigliabile installare questi codec e driver prima di averne bisogno.

Per installare questi driver devi cercare (pulsante META ed eseguire la ricerca) più controllori. In questa finestra vedremo un elenco di opzioni ed è molto probabile che stiamo utilizzando un driver generico in modo che tutto funzioni correttamente sul nostro PC. Quello che dobbiamo fare è scegliere il driver specifico per il nostro computer. Naturalmente, solo se ne abbiamo bisogno.

Software e aggiornamenti

Per installare i codec, è meglio farlo quando abbiamo installato il sistema operativo, ma se non lo abbiamo fatto, dobbiamo solo aprire Software e aggiornamenti e fondamentalmente seleziona tutte le caselle tranne il codice sorgente, l'universo, i repository con restrizioni e multiverso. In questo modo possiamo anche installare altri software gestiti dalla community, tra le altre cose.

Personalizza l'interfaccia

La prossima cosa che dobbiamo fare è personalizzare l'interfaccia, che tutto è come ci piace. Praticamente in ogni versione, Canonical introduce nuove funzionalità nella sezione di personalizzazione e dobbiamo decidere se modificare qualcosa o lasciarlo come è arrivato dopo l'installazione da zero. Ad esempio, dai suoi tempi in Unity, il trattino era a sinistra, estendendosi da un lato all'altro. In seguito gli permise di spostarsi verso il basso, e anni dopo gli permise di spostarsi anche a destra. Come se non bastasse, prevedeva anche la possibilità di trasformarlo in un dock, un'area in cui le app preferite sono accanto a quelle aperte che si espande quando apriamo più applicazioni. Se non vogliamo giocare a poco a poco, possiamo sempre installare altri ambienti grafici.

Installa altri ambienti grafici

Se non ci piace GNOME, possiamo anche farlo installare altri ambienti grafici. Sebbene GNOME funzioni bene, dobbiamo riconoscere che è necessario avere una squadra decente in modo da non notare che tutto si muove un po' pesante. Se notiamo qualcosa del genere, la soluzione potrebbe essere a un comando di distanza o a pochi clic, a seconda del metodo che scegliamo.

Installare un ambiente grafico è abbastanza semplice. Non ci resta che sapere quale vogliamo e installarlo tramite terminale, Software Center o gestore di pacchetti. Per installare l'ambiente MATE dobbiamo scrivere quanto segue:

sudo apt install mate

Per installare l'ambiente Cinnamon (Linux Mint) scriveremo quanto segue:

sudo apt install cinnamon

E per Plasma, quanto segue:

sudo apt install kde-plasma-desktop

Aggiungi i tuoi account online

Abbiamo tutti account diversi per diversi servizi Internet e in Ubuntu abbiamo un'opzione per aggiungerli. Troviamo questa opzione cercando Account online dall'icona di Ubuntu o premendo il tasto META. La verità è che non ci sono molti servizi, ma almeno possiamo collegare il nostro account Google e Microsoft, due delle opzioni più utilizzate per gestire la posta e il calendario.

Account online

Scopri cosa c'è di nuovo e provalo

Si possono scrivere dozzine di articoli su cosa fare dopo aver installato Ubuntu, ma devono essere aggiornati ogni sei mesi. Quello che abbiamo spiegato qui è qualcosa che dovremmo sempre fare, e c'è ancora qualcos'altro che possiamo fare: seguire le nostre pubblicazioni, imparare tutto ciò che di nuovo porta l'ultima versione di Ubuntu e provalo tu stesso. Molte novità avranno a che fare con l'ambiente grafico, ma la cosa migliore è sapere di cosa è capace il nostro sistema e sfruttarlo il più possibile. Che conoscere le cose che non restano.

Le tue proposte?

Penso che avremmo tutto configurato ormai, ma Ubuntu può aggiungere molte più opzioni e modifiche. Anche se non sono molto favorevole a toccare i sistemi, puoi fare qualsiasi ricerca nel Software Center per vedere se trovi qualcosa che trovi interessante. C'è anche una sezione con le applicazioni più popolari, dove sono presenti anche alcuni giochi. Che cosa mi consiglia?


4 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   santiago santi suddetto

    Per l'inizio 🙂

  2.   Juan Jose Cabral suddetto

    premendo il pulsante del lettore, hehe

  3.   Immagine segnaposto Joaquin Valle Torres suddetto

    molte grazie.

  4.   helthunk suddetto

    Sai perché Twitter non è in "Account online"? Saluti 🙂