Riprende lo sviluppo di Lumina Desktop e arriva con la sua versione 1.6.1

Dopo un anno e mezzo di pausa nello sviluppo è stato annunciato il rilascio della nuova versione ambiente desktop Lumina 1.6.1 che viene sviluppato dopo il completamento dello sviluppo di TrueOS all'interno del progetto Trident (distribuzione desktop di Void Linux).

Per coloro che non hanno familiarità con Lumina, dovresti sapere che questo è un ambiente estremamente minimale e può essere utilizzato su sistemi con un minimo di 1 GB di memoria. È molto autonomo e non richiede alcuna utilità o libreria particolare a parte alcune. Lumina è progettata attorno al concetto di completa modularità. Le sue applicazioni sono completamente indipendenti dal desktop e possono essere aggiunte/rimosse a piacimento senza perdita di funzionalità.

I componenti dell'ambiente sono scritti usando la libreria Qt5 (senza utilizzare QML), oltre a Lumina che adotta un approccio classico all'organizzazione degli ambienti utente, questo include un desktop, una barra delle applicazioni, un gestore di sessioni, un menu dell'applicazione, un sistema per la configurazione delle impostazioni dell'ambiente, un task manager, un systray, un sistema desktop virtuale.

Fluxbox è usato come gestore di finestres e il progetto sta anche sviluppando il proprio file manager Insight, che ha funzionalità come il supporto delle schede per lavorare con più directory contemporaneamente, l'accumulo di collegamenti a directory selezionate nella sezione dei segnalibri, la presenza di un lettore multimediale integrato e un visualizzatore di foto con supporto per presentazioni, strumenti per la gestione di istantanee ZFS, supporto per la connessione di plug-in-driver esterni.

Delle sue caratteristiche che si distinguono da questo ambiente:

  • Tutti i file di configurazione del desktop sono semplici file di testo nel back-end.
  • Il desktop rileverà dinamicamente le modifiche alla configurazione da regolare secondo necessità.
  • I profili di aspetto possono essere facilmente utilizzati per riprodurre l'aspetto di altri sistemi desktop comuni.
  • È inoltre possibile creare/utilizzare profili di aspetto personalizzati.
  • L'intero aspetto del desktop è governato da un semplice sistema di plugin
  • Widget desktop
  • Icone di avvio delle applicazioni
  • Lettore di file audio
  • Calendario
  • Blocco
  • Lettore di feed RSS/Atom
  • Monitor delle statistiche di sistema (CPU, memoria, temperature)
  • Fornisci un task manager per veri minimalisti del desktop
  • Fornire un modo per eseguire "script di menu" creati dall'utente per generare dinamicamente nuovi tipi di elementi
  • dal menu contestuale.

Cosa c'è di nuovo in Lumina Desktop 1.6.1?

Dopo più di un anno senza essere attivo il progetto ci si aspetterebbe che la nuova versione arrivi con molte modifiche, ma questa volta il rilascio di questa nuova versione non lo è, poiché come detto all'inizio il progetto era inattivo e fino a poco tempo fa è stato ripreso con cui sostanzialmente questa versione è un aggiornamento minore del ramo 1.6.x.

Questo è un aggiornamento minore ma molto atteso che porta finalmente il lavoro sul tema successivo che abbiamo fatto per Project Trident. Ci sono alcune altre correzioni di bug minori che sono state nel ramo principale che sono incluse anche come la versione etichettata v1.6.0 sopra era molto tempo fa.

Ed ecco come questa versione di Lumina 1.6.1 arriva con correzioni di bug e l'inclusione di sviluppi relativi a supporto del tema. Ciò include un nuovo tema sviluppato per impostazione predefinita dal progetto Trident, inoltre le dipendenze includono il tema dell'icona La Capitane.

I vecchi temi di backup delle icone di Google Material Design sono ancora inclusi per i sistemi operativi e le distribuzioni senza un pacchetto La Capitane, tuttavia stiamo pianificando di rimuoverli in futuro. 
Sono inclusi anche due binari aggiuntivi, che potrebbe essere necessario aggiornare per gestire gli script di compilazione: lumina-checkpass e lumina-pingcursor.

Come installare Lumina desktop? 

Se vogliamo installare l'ambiente desktop, è necessario scaricare il codice sorgente per iniziare a compilarlo da lì, è un compito che un nuovo utente non può fare, anche se devo dirti che abbiamo una guida per eseguire questo processo possiamo verificarlo qui. 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.