Come installare un programma in Ubuntu

Come installare un programma in Ubuntu

Installare un programma in Ubuntu è un'operazione estremamente semplice. Ubuntu aggiunge i programmi più comuni per impostazione predefinita e potente che ha Linux, tuttavia, se abbiamo bisogno di qualche software più specifico, possiamo installarlo facilmente seguendo i passaggi che indicheremo di seguito.

In Ubuntu, e Linux in genere, a differenza di quanto software è installato in Windows, non è solitamente necessario cercare il programma su Internet, scaricarlo e installare molte librerie necessarie al suo corretto funzionamento. Abbiamo a disposizione dei repository (PPA), che sono una specie di archivio centralizzato che contiene tutto il software e che è sempre (relativamente) aggiornato. Possiamo anche installare Pacchetti DEB, che li troveremo online, i Canonical snap o i Flatpak.

Esistono diversi modi per installare un programma in Ubuntu. Ve li presenteremo dal livello più basso a quello più alto di «complessità».

Software Ubuntu

Software Ubuntu

Il modo più semplice e intuitivo di tutti è attraverso questa applicazione. Infatti, Software Ubuntu (precedentemente Ubuntu Software Center) non è altro che un forcella GNOME Software progettato per dare priorità ai pacchetti snap. In questo negozio possiamo cercare qualsiasi tipo di pacchetto e apparirà se si trova nei repository ufficiali di Ubuntu o in Snapcraft, dove vengono caricati i pacchetti snap.

Per accedere dobbiamo cliccare sull'icona del Software Ubuntu, che di solito si trova nel pannello laterale. Questa applicazione è suddivisa in diverse sezioni, tutte accessibili dall'alto:

  • A sinistra del tutto abbiamo la lente d'ingrandimento, da cui possiamo effettuare ricerche.
  • Al centro abbiamo le sezioni per:
    • Esplora (per negozio).
    • Applicazioni installate, dove vedremo cosa abbiamo installato, anche se non vengono visualizzati tutti i pacchetti.
    • Aggiornamenti, dove vedremo cosa sta per aggiornare quando ci sono nuovi pacchetti.

Opzioni di installazione

Per quanto riguarda il software Ubuntu, penso sia importante ricordare ancora una volta che è un negozio progettato per dare priorità ai pacchetti snap. Nativi di Ubuntu sono i DEB, con quelli snap contenenti software di base e le stesse dipendenze. Sono un'opzione, ma potrebbero non essere i nostri preferiti. Se scegliamo di utilizzare il software Ubuntu, dobbiamo guardare il menu a discesa in alto a destra. Qui è dove vedremo se un'opzione è in una versione DEB; L'impostazione predefinita ci offrirà un pacchetto a scatto. Il che ci fa proporre un'alternativa.

Software GNOME

Come installerò il software GNOME se il software Ubuntu è lo stesso ed è già installato? Bene, perché non lo è, né è vicino all'essere. Il software Ubuntu ha alcune restrizioni e una filosofia che il software GNOME non ha. Il negozio ufficiale Project GNOME offre il software senza dare la priorità o nascondere nulla, o se dare la priorità a qualcosa sarà l'opzione del pacchetto DEB, quello di una vita. La cosa brutta di parlare di questa opzione in seconda posizione è che per usarla dovremo installare lo store con il penultimo metodo, con il terminale, e dispiegheremo tutto il suo potenziale aggiungendo il supporto per Flathub.

Software GNOME

Una volta installato, il software GNOME è quasi una copia carbone del software Ubuntu (in effetti è proprio l'opposto). Cercheremo con la lente d'ingrandimento, selezioneremo un programma, verificheremo la fonte di provenienza e faremo clic su Installa. Così semplice. L'unico problema è che il pacchetto non viene visualizzato nel software Ubuntu. Se cerchiamo "software gnome" appare come installato, ma non lo è. Dobbiamo installarlo come spiegato nella sezione console.

Il gestore di pacchetti Synaptic

Synaptic

Synaptic è un sistema più avanzato installazione e rimozione di applicazioni rispetto al software Ubuntu. Nonostante ciò, l'ambiente è grafico e molto potente, e ha il controllo completo sulle applicazioni che vengono installate sul sistema, le loro dipendenze e le diverse versioni dei pacchetti che possono essere installati a seconda delle esigenze. Da Ubuntu 12.04 Synaptic non è installato per impostazione predefinita, e se vogliamo usarlo, dobbiamo installarlo da Ubuntu Software, cercando Synaptic, o dal terminale.

Per aprire Synaptic faremo clic sull'icona della griglia o premere il tasto Meta e cercheremo Synaptic. Con questo gestore possiamo installare, reinstallare e rimuovere i pacchetti in modo grafico molto semplice. La schermata Synaptic, come puoi vedere, è divisa in 4 sezioni. I due più importanti sono l'elenco che include la sezione della categoria (1) sul lato sinistro e la sezione del pacchetto (3) sul lato destro. Selezionando un pacchetto dall'elenco ne verrà visualizzata una descrizione (4).

Per installare un pacchetto selezioneremo una categoria, fare clic con il tasto destro sul pacchetto desiderato e selezionare Seleziona per installare oppure faremo doppio clic sul nome del pacchetto. Contrassegneremo in questo modo tutti i pacchetti che vogliamo installare nel sistema e faremo clic sul pulsante Applicare per iniziare l'installazione. Synaptic scaricherà solo i pacchetti necessari da repository su Internet o dal supporto di installazione.

Puoi anche usare il pulsante CERCA per trovare i pacchetti che vogliamo installare. Facendo clic su questo pulsante possiamo cercare i programmi per nome o descrizione. Una volta individuato il programma che vogliamo installare, facciamo doppio clic su di esso per installarlo. Se vogliamo eliminare un programma, tutto ciò che dobbiamo fare è fare clic destro su di esso e selezionare rimuovi o Rimuovere completamente.

In tutti i casi, le modifiche avranno effetto dopo aver fatto clic sul pulsante Applica.

Il gestore di pacchetti Synaptic, come Ubuntu Software, si occupa di risolvere le dipendenze dei pacchetti da solo affinché le applicazioni funzionino correttamente. Allo stesso modo è possibile configurarlo per installare i pacchetti consigliati che, senza essere richiesti dall'applicazione, possono svolgere altre funzioni aggiuntive. Se vogliamo attivare questo comportamento possiamo andare a Configurazione > preferenzee nella scheda Generale selezionare la casella Considera i pacchetti consigliati come dipendenze.

pacchetti flatpak e snap

Come abbiamo spiegato, Ubuntu non supporta i pacchetti flatpak dopo una nuova installazione. In effetti, a Canonical non piace molto l'idea e il suo software Ubuntu non supporta nemmeno i flatpack; viene modificato in modo che il supporto non possa essere aggiunto ad esso, o almeno non in un modo semplice che sia mai stato condiviso nella comunità Linux. I pacchetti Snap possono essere installati direttamente da Ubuntu Software e la loro installazione è semplice come qualsiasi altro pacchetto, sebbene possano essere installati anche dal terminale come spiegheremo nel prossimo punto.

La cosa è diversa quando vogliamo installare i pacchetti flatpak. Come abbiamo spiegato in questo articolo, dobbiamo prima installare il pacchetto “flatpak”, poi “gnome-software”, visto che lo store ufficiale di Ubuntu non li supporta, poi un plugin per il software GNOME e poi aggiungi il repository Flathub. Al riavvio, i pacchetti flatpak vengono visualizzati come opzione nel software GNOME, ma non nel software Ubuntu.

Per quanto riguarda questo tipo di pacchetti, sia snap che flatpak hanno tutto il necessario (software e dipendenze) per il funzionamento di un programma. La cosa buona di loro è che si aggiornano molto velocemente e funzionano su qualsiasi distribuzione Linux, e infatti ci sono alcuni programmi che troviamo solo in Flathub (flatpak) o Snapcraft (snap). Sono un'opzione da considerare, ma per avere tutto vale la pena usare il software GNOME.

tramite console

Finora abbiamo visto il modo grafico per installare i programmi in Ubuntu. Successivamente vedremo come fare lo stesso ma attraverso il terminale. Sebbene molti utenti siano scoraggiati da tutto ciò che riguarda gli "schermi neri", dovresti sapere che questo metodo non comporta alcuna complicazione. Anzi, è più comodo e semplice, e ovviamente più veloce.

Per installare il software in Ubuntu con questo metodo, la prima cosa è aprire il terminale, logicamente. Possiamo farlo dall'icona della griglia o premendo il tasto Meta e cercando "terminale", e si apre anche premendo la combinazione di tasti Ctrl+Alt+T, purché la scorciatoia non sia stata modificata, né dal utente o perché Canonical lo deciderà in futuro. Dal terminale, quello che possiamo fare è:

  • Installazione dei pacchetti:
sudo apt install nombre-del-paquete
  • Installa più pacchetti:
sudo apt install nombre-del-paquete1 nombre-del-paquete2 nombre-del-paquete3
  • Disinstalla pacchetti:
sudo apt remove nombre-del-paquete
  • Disinstallare un pacchetto e i file di configurazione associati:
sudo apt remove --purge nombre-del-paquete
  • Aggiorna l'elenco dei pacchetti disponibili nel repository:
sudo apt update
  • Aggiorna tutti i pacchetti installati sul computer:
sudo apt upgrade
  • Installa un pacchetto snap:
sudo snap install nombre-del-paquete
  • Disinstalla un pacchetto snap:
sudo snap remove nombre-del-paquete
  • Aggiorna pacchetti snap:
sudo snap refresh

Una volta eseguito il comando, il sistema potrebbe chiederci se vogliamo installare il pacchetto che abbiamo selezionato e gli altri che dipendono da esso, mostrandoci alcuni dettagli a riguardo come il suo nome completo, versione o dimensione. Risponderemo affermativamente e aspetteremo per terminare l'installazione.

pacchetti .deb

Se qualcosa che vogliamo installare non è disponibile nei repository ufficiali, né come snap né come flatpak, il suo sviluppatore probabilmente lo offre come pacchetto .deb. Ad esempio, se vogliamo installare il browser web Vivaldi, possiamo cercare tutto ciò che vogliamo nel software GNOME, che non lo troverà anche se abbiamo abilitato il supporto per i pacchetti flatpak. Curiosamente, è disponibile nei repository ufficiali di Manjaro, ma non lo è nella maggior parte di essi perché ha una percentuale (non ricordo se è del 4% o del 6%) corrispondente all'interfaccia grafica che non è open source. Alla fine, se vogliamo installare Vivaldi su Ubuntu dobbiamo farlo usando il suo pacchetto .deb.

Che si tratti di Vivaldi o di qualsiasi altro programma, possiamo installare il suo pacchetto DEB scaricandolo dal suo sito Web ufficiale e installandolo. Possiamo farlo in diversi modi:

  • Fare doppio clic e installarlo in modo che non li apra. Probabilmente il software Ubuntu si aprirà.
  • Fare clic con il tasto destro e scegliere "Installazione software", che aprirà il software GNOME se installato.
  • In un terminale, scrivi sudo dpkg -i nome_pacchetto (Vale la pena trascinarlo sul terminale per non sbagliare se il nome è lungo).

Qualcosa di interessante da notare è che molti di questi pacchetti ci aggiungono al repository ufficiale del progetto per aggiornarli in futuro.

Questa è la fine di questa guida in cui ti abbiamo mostrato vari modi per installare i pacchetti in Ubuntu. Ci auguriamo che lo trovi utile.


10 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Pedro suddetto

    Articolo interessante per me, poiché sono profano in Ubuntu, vorrei farti una domanda su come installare i driver. Ho un adattatore USB per wifi da TP-Link (Archer T2U) Ho scaricato i driver per Linux dal loro sito ufficiale (Archer T2U_V1_150901) ma ?? Non so come vengono installati.
    Grazie e saluti

    1.    Luis Gomez suddetto

      Ciao Pedro, per quanto riguarda la tua domanda devo dirti che, come in quasi tutto nell'informatica, dipende. Se parliamo di driver proprietari, generalmente è incluso uno script o un programma che esegue il compito di installarli sul nostro sistema. Prima di tutto, controlla che non ci sia un file readme che indichi i passaggi da seguire specificamente per il controller che desideri aggiungere. Secondo, ti direi che, se hai scaricato un tarball, controlla se c'è qualche script che puoi lanciare dalla riga di comando aggiungendo in precedenza le proprietà eseguibili.

  2.   occupato suddetto

    In Ubuntu, con Unity, è anche possibile installarlo direttamente dal Dashboard.

    saluti

  3.   Pedro suddetto

    Grazie mille per l'informazione, non ho visto nessun file readme che indichi i passaggi da seguire, ho anche contattato TP-Link e non sapevano come darmi le istruzioni per la sua installazione.

  4.   John Jackson suddetto

    Ciao Luis, grazie per il tuo contributo chiaro, semplice e diretto.

    Ho appena installato Ubuntu versione 10.10 su un laptop, il problema che presenta è non poter navigare in Internet anche se rileva e si connette al WiFi. da ethernet se posso navigare, rileva la rete qindows e tutto il resto. Tramite rete wireless specifica solo che è connesso. Ho già dato a DHCP l'opportunità di eseguire il lavoro oltre che manualmente (IP, subnet mask, gateway, DNS) e il problema persiste.

    Ho anche provato a documentarmi in rete, solo che nessun tentativo ha funzionato per me.

    Potresti aiutarmi a capirlo.

    Grazie in anticipo

  5.   Juan Jackson suddetto

    PS sono già risolto

  6.   Marco Lopez suddetto

    Saluti.
    Sono nuovo di questo ubuntu, ho installato la versione 16.04 ma ho il problema che qualunque cosa voglio installare non me lo permette, ho provato da console e niente, nel centro software niente, ho provato ad installare Synaptic da console e mi dice che non ci sono candidati.
    Qualche idea?
    Prima di tutto, grazie

  7.   alfredo suddetto

    qualcuno sa dove posso scaricare la versione utorrent per scaricarla in armbian di ubuntu 16.04.2. Se qualcuno ha la risposta, contattami nella seguente email:
    acuesta1996@gmail.com

  8.   Virginia Rosa suddetto

    Ciao amici, grazie per i vostri preziosi contributi
    Ho un problema. Il mio disco è partizionato in 3. una partizione1 per windons, partiticon2 ho linux e la terza per il mio uso più personale, come backup.
    Arta de windons e i loro famosi virus, ho deciso di usare solo linux per tutto, soprattutto per connettermi a internet, installa Zorin 9 (basato su ubuntu)
    x errore elimina i pacchetti firefox e ora non so come risolvere il problema
    Ho già provato vari modi, come l'aggiornamento dell'aggiornamento, l'aggiornamento, l'installazione di Firefox x il centro software.
    questo è il mio errore con l'aggiornamento:

    Sbagliare http://security.ubuntu.com fidato-sicurezza / fonti principali
    Sbagliare http://security.ubuntu.com fidato-sicurezza / fonti principali
    404 non trovato [IP: 91.189.91.26 80]
    Recuperato 3.547 kB in 34min 28s (1.714 B / s)
    Lettura elenco dei pacchetti ... Fatto
    W: si è verificato un errore durante la verifica della firma.
    Il repository non viene aggiornato e verranno utilizzati i file di indice precedenti.
    Errore GPG: http://deb.opera.com InRelease stabile: non è stato possibile verificare le seguenti firme perché la chiave pubblica non è disponibile: NO_PUBKEY D615560BA5C7FF72
    W: non è disponibile alcuna chiave pubblica per i seguenti ID chiave:
    1397BC53640DB551
    W: Impossibile recuperare http://deb.opera.com/opera/dists/stable/InRelease
    W: Impossibile recuperare gzip: /var/lib/apt/lists/partial/ve.archive.ubuntu.com_ubuntu_dists_trusty-updates_universe_binary-i386_Packages Hash Sum mismatch
    W: Impossibile recuperare http://dl.google.com/linux/chrome/deb/dists/stable/Release Impossibile trovare la voce prevista 'main / binary-i386 / Packages' nel file di rilascio (voce sources.list errata o file non valido)
    W: Impossibile recuperare http://security.ubuntu.com/ubuntu/dists/trusty-security/main/source/Sources 404 non trovato [IP: 91.189.91.26 80]
    W: alcuni file di indice non sono stati scaricati. Sono stati ignorati o sono stati usati quelli vecchi.

    il fatto è che quando si tenta di installarlo di nuovo viene generato l'errore.
    Per favore, se qualcuno mi può aiutare !!!

    1.    David yeshael suddetto

      Ciao Rosa, da quello che vedo, prima ti lancia questo perché non riesce a trovare quell'indirizzo, dato che non esiste più.
      «Erra http://security.ubuntu.com fidato-sicurezza / fonti principali
      Sbagliare http://security.ubuntu.com fidato-sicurezza / fonti principali »
      "404 Not Found [IP: 91.189.91.26 80]".
      La seconda è che non hai importato le chiavi pubbliche dell'opera
      «Errore GPG: http://deb.opera.com InRelease stabile: non è stato possibile verificare le seguenti firme perché la chiave pubblica non è disponibile: NO_PUBKEY D615560BA5C7FF72 ″

      Puoi mostrarci il tuo elenco di fonti, lo fai con:
      cat /etc/apt/sources.list